Venezia, arriva il ticket d'ingresso in città

Venezia

Venezia

"Inoltre, l'importo massimo consentito per entrambe tali misure e' elevato a 10 euro". È quanto prevede, all'articolo 1, il comma 1129 del maxiemendamento alla legge di bilancio per il 2019 appena approvata dal Parlamento. Il Comune è infatti stato autorizzato ad applicare, per l'accesso alla città lagunare dei non residenti e "con qualsiasi vettore" un contributo fino a 5 euro che andrà a sostituire la tassa di soggiorno. Le prime stime sul valore del ticket parlano di alcune decine di milioni l'anno, forse tra i 40 e i 50.

E' previsto che "i Comuni che hanno sede giuridica nelle isole minori e i comuni nel cui territorio insistono isole minori in alternativa all'imposta di soggiorno possono praticare il contributo di sbarco fino a un massimo di 2,50 euro nei confronti dei passeggeri che utilizzando vettori che svolgono il collegamento di linea con l'isola o vettori aeronavali che prestano il servizio di trasporto di persone a fini commerciali". Cifra tutta da verificare, per eccesso o per difetto, computabile solo quando verrà emanato un regolamento sulle modalità e sulle categorie oggetto del contributo.

L'obiettivo, viene spiegato, è di "offrire all'amministrazione comunale di Venezia la facoltà di uno strumento dalla duplice finalità: per un verso, potrebbe portare all'incremento del gettito dagli accessi alla città, poiché il contributo di sbarco sarà versato a prescindere dal pernottamento in strutture ricettive".

Venessia.com, giusta tassa sbarco per 'giornalieri' - "La 'tassa di sbarco' punta giustamente a 'colpire' i turisti giornalieri, che sono la maggior parte dei visitatori della città, ma portano in termini di fatturato solo il 30% a fronte del 70% portato dai pochi milioni di pernottanti che pagano da anni la tassa di soggiorno". I turisti giornalieri, prosegue, "sono i responsabili degli intasamenti che tanto mettono in difficoltà la cittadinanza. Da anni i veneziani chiedono misure concrete per gestire le masse turistiche e adesso che finalmente c'è la possibilità di sfruttarle economicamente e cercare quindi di gestirle e contarle". Il modello di tassazione previsto per Venezia, auspica Bocca, dovrebbe essere "mutuabile anche in altri centri che soffrono di sovraffollamento". "Le nostre città sono musei: come accade nei musei, è giusto pagare il biglietto d'ingresso".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.