Salvini contro l'ecotassa M5S: "Auto bene già ipertassato in Italia"

Manovra, Salvini:

Manovra, Salvini: "No a nuove tasse, via quella sulle auto"

Il bipolarismo non si intravede fino a che non si spacca, ammesso che accada, l'arcipelago-mucillagine dei 5stelle, in modo che si separino i "radical" dai realisti. La piazza come sondaggione per dimostrare a tutti, ma in particolare ai 5 stelle, quanto gli equilibri di forza sono cambiati e ancora di più dovranno cambiare tra i partner del Contratto. Salvini dice che la Lega non voterà "nuove imposte", definite da Di Maio "piccole penali".

"Si tratta di una nuova tassa sull'automobile che non è un bene di lusso ma uno strumento necessario nella vita quotidiana di milioni di cittadini", afferma in una nota l'Unione petrolifera. "Ma non penso che ci sia qualcuno che ha un euro3 diesel per il gusto di avere la macchina vecchia, evidentemente non ha i soldi per comprarsi la macchina nuova", ha detto il ministro ai microfoni di Radio 1.

Che Matteo Salvini e Luigi Di Maio discutano e ritrattino, non è proprio una novità. Tuttavia ha rimarcato che su questo la norma potrà essere migliorata nel passaggio della manovra al Senato: "Il bicameralismo perfetto esiste anche per questo", ha aggiunto. E soprattutto vuole evitare il malcontento, visto quello che è successo in Francia con i gilet gialli. Ed è il nuovo balzello sulle auto più inquinanti che potrebbe arrivare con la nuova manovra di Bilancio. "Questa è l'idea della norma pensata dal governo, che disincentiva chi sceglie un'auto più inquinante".

"L'Italia ha bisogno della sua industria e di energia per crescere".

Questa mattina, sempre sul social network, Salvini ha postato una foto degli ultimi preparativi: "A chi è già a Roma, a chi è in viaggio, a chi seguirà da casa, a chi sta già lavorando in piazza del Popolo per una giornata storica". Di Maio ha fatto sapere di aver convocato un tavolo con costruttori e consumatori con l'obiettivo di migliorare gli incentivi per l'auto elettrica, ibrida e a metano. Infatti il 60% dei modelli per cui è previsto un incentivo sono diesel: Punto diesel, Panda diesel, Clio diesel, Golf diesel, Megane diesel, Polo diesel, Classe A diesel. Insieme - ha concluso - troveremo la soluzione giusta per centrare due obiettivi: "proteggere noi e i nostri figli dall'inquinamento, senza pesare sul portafogli". "Già oggi in Italia sul settore dell'auto grava un carico fiscale di oltre 70 miliardi di euro all'anno - ha dichiarato Paolo Zabeo della Cgia - un record negativo che nessun altro Paese ci invidia".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.