Lutto nel mondo del cinema italiano, è morto l'attore Ennio Fantastichini

Addio all'attore Ennio Fantastichini: era malato di leucemia

Addio all'attore Ennio Fantastichini: era malato di leucemia

Ennio Fantastichini ci ha lasciato all'età di 63 anni a seguito di una emorragia celebrale quale conseguenza della leucemia che da diverso tempo lo aveva colpito. In carriera aveva vinto un David di Donatello come miglior attore non protagonista nel 2010. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo dell'equipe medica che lo seguiva.

Si trovava nel reparto rianimazione dell'ospedale Federico II di Napoli in cura per una grave forma di polmonite.

Nato a Gallese, paese in provincia di Viterbo, il 20 febbraio 1955, è il secondo figlio di un maresciallo dei carabinieri (il fratello maggiore, Piero, è un noto pittore e scultore). Quindi iniziò a frequentare il corso di recitazione all'Accademia nazionale d'arte drammatica Silvio d'Amico. Il suo primo ruolo fu nel film Fuori dal giorno del 1982, e pochi anni dopo ebbe una parte secondaria in I soliti ignoti vent'anni dopo.

Non ha mai perso l'autoironia, sapendosi sempre prendere in giro con una giusta dose di sarcasmo.

Ma il più franco successo di pubblico lo deve a Paolo Virzì che gli affidò il ruolo dello smargiasso Ruggero Cantalupi, tipico esponente del 'generone' romano a fianco di Sabrina Ferilli in 'Ferie d'agosto' (1996).

Nel 2007 recita nel film Saturno contro di Ferzan Özpetek e nel 2008 nel lungometraggio Fortapàsc diretto da Marco Risi. Ennio ha continuato a recitare fino al 2017, amatissimo in serie tv come La Piovra 7, Paolo Borsellino, Il mostro di firenze e soprattutto in Squadra antimafia - Il ritorno del boss.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.