Luigi Di Maio: "Per il reddito di cittadinanza non si può aspettare"

Lo scivolone di Conte sul congiuntivo: 'Non so perché i giornali scrivino'

Lo scivolone di Conte sul congiuntivo: 'Non so perché i giornali scrivino'

In quel contesto il minimo vitale proposto rappresentava uno strumento indirizzato alle fasce più deboli della società che si proponeva di aiutare tutti coloro che avevano risorse inferiori a una certa soglia di reddito ed era costruito in modo da attenuare la trappola della povertà dal momento che si prevedeva una reintegra solo parziale della distanza tra le risorse economiche a disposizione del soggetto in difficoltà e la soglia di povertà. Resta soltanto da capire come abbassarlo. Prendendo alla lettera la dichiarazione del vicepremier sulla stampa delle carte Marucci si è pubblicamente chiesto: "Su quali basi legali ha potuto dare questa indicazione?"

La nota recita: "Non è una questione di decimali, obiettivo del governo è rilanciare la crescita e lo sviluppo".

Reddito di cittadinanza anche alle imprese? Sono stati valutati gli emendamenti di iniziativa parlamentare al ddl sulla legge di bilancio e concordati quelli che saranno oggetto di approvazione. "Le somme recuperate saranno riallocate, privilegiando la spesa per investimenti, con particolare riferimento a quelle necessarie a mettere in sicurezza il territorio e a contrastare il dissesto idrogeologico". Ma questa misura "fiamma della dignità", come la definì Beppe Grillo, che con Gianroberto Casaleggio dedicò ad essa la marcia Perugia-Assisi del 2015, si è via via depontenziata, ancor prima di prendere la forma di una proposta di legge, che il governo Conte, non a caso, non ha ancora presentato e che, ora, rischia di subire altri ridimensionamenti sull'altare della trattativa con Bruxelles.

Questo farebbe risparmiare circa 3-4 miliardi di euro. Le leve con cui Conte, Di Maio e Salvini sperano di convincere l'Europa di un prossimo abbassamento del deficit sono due. In pratica i provvedimenti resteranno tutti sul tappeto ma diluiti nel tempo. Si pensa che verranno introdotti disincentivi all'andata in pensione con la "quota 100" per limitare a meno di 300 mila le persone che ne usufruiranno nel 2019. I conti, però, non tornano lo stesso.

"Faremo di tutto per evitare sanzioni", ha assicurato Salvini secondo cui "la manovra uscirà dal Parlamento diversa da come è entrata, la parola fine non la dà il governo ma il Parlamento, dove alcuni emendamenti potranno essere approvati".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.