Manovra, governo: "Non è questione di decimali"

» Manovra. Conte e Tria a cena con i vertici Ue: avanti con le trattative

» Manovra. Conte e Tria a cena con i vertici Ue: avanti con le trattative

"Ho parlato molto brevemente con il premier Conte e gli ho chiesto di aggiornarmi sull'incontro di ieri" con il presidente dell'esecutivo Jean-Claude Juncker e i commissari Moscovici e Dombrovskis, ha raccontato Merkel, dicendosi "lieta" che ci sia un dialogo nel contesto del processo guidato dalla Commissione, riporta l'ANSA.

Dunque il governo gioca la carta delle modifiche parlamentari per tentare l'accordo con la Ue dopo la doppia bocciatura della manovra italiana e apre alla possibilità di ritoccare il deficit sottolineando che "non è una questione di decimali ma di crescita". "Per quanto riguarda il dialogo in corso con le istituzioni europee, si è concordato di attendere le relazioni tecniche sulle proposte di riforma che hanno più rilevante impatto sociale, al fine di quantificare con precisione le spese effettive. Le somme recuperate saranno riallocate, privilegiando la spesa per investimenti, con particolare riferimento a quelle necessarie per mettere in sicurezza il territorio e a contrastare il dissesto idrogeologico". Vertice cui hanno partecipato anche il Ministro dell'Economia, Giovanni Tria, i sottosegretari Laura Castelli e Massimo Garavaglia e il Ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro. Salvini e Di Maio avevano invece continuato a difendere l'aumento del deficit, criticando la Commissione Europea con dichiarazioni liquidatorie e citazioni di Mussolini ("Me ne frego", aveva detto Salvini). Anche se i due leader preferiscono non sbilanciarsi, dalle risposte si comprende la soddisfazione che Conte ha trasmesso loro per una trattativa finalmente avviata dopo settimane di tensione.

Si tratta di capire come potrebbero cambiare reddito di cittadinanza e pensioni con 'quota 100', mantenendone l'impianto originario. Contenere l'esborso per la Fornero e per il reddito di cittadinanza in favore di maggiori investimenti può infatti fare meno danni al Carroccio che al M5S.

Per ora l'unica cosa certa è che oggi, 27 novembre, prende il via il voto degli emendamenti in Commissione bilancio alla Camera.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.