È morto Carlo Giuffrè

Addio a Carlo Giuffré

Addio a Carlo Giuffré

Napoletano verace, cresciuto all'ombra (e poi in simbiosi) del fratello maggiore Aldo con cui divideva la passione e l'eredità del magistero di Eduardo De Filippo il cui repertorio gli era familiare fin dall'immediato dopoguerra prendendo parte agli spettacoli del maestro.

A pochi giorni di distanza dalla scomparsa di Sara Anzanello, già campionessa mondiale di volley nel 2002, è il mondo della cultura a piangere la scomparsa di un grande: è morto a quasi 90 anni l'attore e regista Carlo Giuffrè.

Diplomato all'Accademia d'arte drammatica, Carlo non si accontenta però della sua maschera, sovente improntata al grottesco e alla matrice originaria della scena partenopea e nel 1963 entra nella Compagnia dei Giovani insieme a Valli, De Lullo, Falk per scalare i gradini del teatro pirandelliano. E avrebbe compiuto quindi 90 anni tra poco più di un mese. A teatro l'ultimo lavoro fu tre anni fa La lista di Schindler (adattamento del film di Spielberg), mentre al cinema l'ultima apparizione è stata in Se mi lasci non vale di Vincenzo Salemme del 2016. Nel 1971 ha condotto la XXI edizione del Festival di Sanremo. Nel 2007 era stato insignito del titolo di Grande Ufficiale dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. (1973) e l'amante di La signora gioca bene a scopa?

Fratello minore di Aldo (scomparso nel 2010, lo ricordiamo come capitano nordista alcolizzato ne Il buono, il brutto, il cattivo), Carlo Giuffré è uno dei grandi rappresentanti della commedia dell'arte e della tradizione del teatro napoletano. Cominciò il sodalizio con il fratello, anche lui grande artista, in teatro, nel lontanissimo 1947. Lo ricordiamo per i ruoli accanto a Eduardo De Filippo.

Numerose anche le sue interpretazioni cinematografiche e nelle fiction televisive. Ma anche l'affetto e la stima del pubblico che lo ha seguito nella sua lunga carriera.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.