Bolsonaro presidente con il 56%. Il Brasile vira a destra

Brasile all'estrema destra, una vendetta di classe

Brasile all'estrema destra, una vendetta di classe

Il leader dell'estrema destra promette di "scommettere sulle persone, di sburocratizzare e semplificare" il paese, "permettendo che il cittadino o l'imprenditore abbiano più libertà di costruire il loro futuro".

Il Brasile ha deciso: Jair Bolsonaro, candidato dell'estrema destra, sarà il nuovo presidente. Dalla Casa Bianca è arrivata una nota in cui si afferma che Trump e Bolsonaro si sono impegnati a "lavorare fianco a fianco per migliorare le vite di americani e brasiliani". "Buon lavoro al presidente Bolsonaro, l'amicizia tra i nostri popoli e i nostri governi sara' ancora piu' forte".

Bolsonaro, 63enne ex ufficiale dei paracadutisti, lo scorso 6 settembre era stato gravemente ferito da un attentatore che lo ha accoltellato dirante un comizio elettorale. Regimi conservatori, come quello attuale in Argentina, Cile, Colombia, Ecuador, eviteranno una identificazione troppo stretta con un regime giudicato fascista, ma certo non vi si opporranno, e crescerà la pressione sul Venezuela chavista. Nel festeggiare il trionfo elettorale, ha pregato in diretta nazionale, ringraziando Dio. Dopo una campagna al vetriolo, che ha lasciato un Brasile profondamente polarizzato, il Paese è ansioso di vedere in cosa si concretizzeà la presidenza Bolsonaro.

"Anche in Brasile i cittadini hanno mandato a casa la sinistra!"

"Il regalo è in arrivo!". Bolsonaro è atteso domani a Brasilia per avviare il processo del passaggio di consegne, che culminerà con la cerimonia d'insediamento il primo gennaio. Di questo ci crede con forza la "Troika brasiliana" di lobby, Evangelici e agrobusiness (definizione perfetta data dal Sole 24 ore, ndr) oltre ai mercati internazionali che con l'era Lula erano arrivati a considerare il Brasile dei "Brics" un possibile problema economico-sociale a breve raggio. "Il governo bolivariano coglie l'occasione per sollecitare il neo eletto presidente del Brasile per riprendere, come i paesi vicini, il percorso delle relazioni diplomatiche di rispetto, l'armonia, il progresso e l'integrazione regionale, per il benessere della nostra gente", ha scritto Nicolas Maduro in una dichiarazione rilasciata dal cancelliere venezuelano, Jorge Arreaza, sul suo account Twitter. Si trattava di messaggi critici nei confronti dell'atteggiamento usato da Bolsonaro in campagna elettorale, ma non di indicazioni di voto, come d'altronde non potevano essercene.

La vicenda dell'ex terrorista Battisti, condannato a vari ergastoli e rifugiatosi in Brasile fin dal 2007, è comunque solo un aspetto del generale consenso ed entusiasmo, da parte della destra italiana, nei confronti di un personaggio piuttosto discutibile quale il nuovo presidente brasiliano.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.