Guaio Milan, Gattuso: "Caldara fuori un paio di mesi"

Grafico de La Gazzetta dello Sport

Grafico de La Gazzetta dello Sport

Sampdoria sconfitta per 3-2 a San Siro con il Milan di Gattuso, che salva la panchina. Mi è stato chiesto se fossi deluso, questi ragazzi invece riescono a dare tutto, a volte vengono prestazioni non positive ma una squadra non di mentalità non ribalta il risultato contro la Sampdoria. "Voglio vedere 23 leoni, senza tattica anche, ma voglio senso di appartenenza e voglia di vincere". Abbiamo fatto un po' di fatica all'inizio perché avevamo cambiato modulo ma poi abbiamo preso le giuste distanze e l'abbiamo portata a casa. Sulle due punte: "Le abbiamo provate, vediamo". Fa parte del lavoro. Il risultato è direttamente proporzionale alla qualità del gioco. Abbiamo affrontato una grande squadra, abbiamo segnato tre goal. Abbiamo provato a fare qualcosa di nuovo con un modulo diverso ma Suso e Laxalt non facevano le ali pure. "È stata una bellissima partita". "Il mio compito è dare una mentalità alla squadra, ma serve anche l'aiuto della società, come sta facendo". Ringrazio la società e la squadra.

Intervenuto ai microfoni di 'Sky Sport', l'allenatore rossonero spiega il problema del centrale italiano: "Caldara lo perderemo per un paio di mesi, ha avuto un problema al gemello mediale, è una stagione maledetta, ci dispiace per lui".

"Complimenti ai ragazzi. Io non devo ringhiare, io devo preparare bene le partite - ha detto Gattuso in conferenza stampa - Se avessi avuto il segnale che la squadra non stesse con me, con il rapporto che ho con quest'ambiente, avrei fatto io un passo indietro". Ora valutiamo Hakan, ci ha dato grande disponibilità. È un momento così, dobbiamo mettere i giocatori che stanno meglio. Non c'è una persona migliore di lui.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.