Zhang presidente: "Porterò l'Inter sul tetto del mondo. Marotta? Nessun contatto"

Inter inizia l'era Steven Zhang a 27 anni è il nuovo presidente

Inter inizia l'era Steven Zhang a 27 anni è il nuovo presidente

Eletto nuovo presidente dell' Inter, Steven Zhang ha parlato cosi' all'Assemblea degli Azionisti. Una modernizzazione del club che non è riuscito nell'era Thohir, ma ora diventa fondamentale. "Quando chiudo gli occhi - dice Zhang nel video - vedo una città con una storia incredibile e molto ancora da scrivere, persone con idee, con il desiderio di migliorare ciò che le circonda e se stesse, un club che gioca oltre il campo e vuole conquistare i cuori di tutti" dice Steven Zhang, mentre le sue immagini per le vie di Milano si alternano a quelle di un calligrafo che dipinge la scritta Inter in stile orientale su un pavimento. "Poi apro gli occhi e vedo che tutto questo è già qui. Io sono pronto. E voi?", è la conclusione del nuovo presidente nerazzurro, che verrà nominato nell'assemblea di oggi pomeriggio, in cui sarà anche illustrato il percorso che ha portato con la dirigenza attuale l'Inter a crescere e a rientrare nei parametri del fair play finanziario. Alla gente piace venire da noi, non mi crea problema che se ne parli: la verità è che non abbiamo mai fatto trattative né avuto accordi con la persona in questione. "Sono pronto a raccogliere la sfida di essere il presidente dell'Inter nel 110° anniversario del club". Non perché gli italiani o i milanesi siano più intelligenti o più calcisticamente competenti degli altri, ma perché ogni realtà esercita un controllo sociale sui suoi membri che è quasi sempre più efficace di quello delle leggi.

"Perché proprio l'Inter? Perché è l'unico club con cui ho avuto feeling, conoscevo il signor Moratti: so che lui mi supporterà sempre".

La rivalità con la Juventus pare dunque destinata a tornare ai massimi livelli: "Siamo rivali sul campo, è importante e ci rispettiamo. - ha commentato l'ambizioso presidente - Ma si tratta soltanto di una partita". "Il futuro è futuro, non si può sapere cosa accadrà - ha proseguito -". Quando ho iniziato, tutto era un foglio bianco per me: l'Inter non è solo una squadra, ma condivisione di una passione. La nostra priorità assoluta è portare la squadra al vertice sul campo dandole tutto il supporto che swerve. I migliori sul mercato io li vorrei tutti ma, in questo momento, non c'è niente. "Se c'è una cosa che voglio è che fra tanti anni il presidente dell'Inter abbia il mio stesso cognome". Il debito complessivo invece è passato da 636,5 milioni a 814,7 ma di questi 291,88 sono verso Suning a causa del bond da 300 milioni collocato nel dicembre 2017. Questo viene da mio padre, non accetta mai la sconfitta e per lui è accettabile solo la vittoria.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.