Italia, Mancini: "Bisogna avere pazienza, presto avremo soddisfazioni"

Verso Italia-Ucraina, Mancini:

Verso Italia-Ucraina, Mancini: "Una vittoria per Genova"

"Non presto attenzioni alle pressioni - risponde - che spesso sono create dai media e cerco di dare del mio meglio in campo e fuori". Non è un dramma, è una partita di calcio. Se avessimo fatto gol sarebbero stati tutti felici.

Molti siti, che propongono questi eventi dal vivo, sono illegali e offrono il più delle volte una qualità video e audio scarsa, oltre a venire periodicamente oscurati dalle autorità di polizia informatica per violazione del diritto di riproduzione. Anche Barella ha giocato un'ottima partita. "Non sarà una partita semplice però ce la possiamo giocare". Ripeto, il mio compito di ct è di ricostruire la squadra.

"Non ci gira cosi' bene, avremmo meritato di fare un paio di gol". Ben fa il ct a difendere i ragazzi anche se non vincono e segnano con il contagocce: in attacco manca l'uomo giusto in grado di trasformare in gol tutta la mole di gioco prodotta. Immobile rimane tuttavia in bilico nella formazione titolare.

" Per vincere ci serve un centravanti che segni". Noi nella ripresa siamo stati bravi a trovare le ripartenze giuste e siamo riusciti a trovare il pareggio. La Polonia? Non è una finale, non è uno spareggio, è solo una spinta importante per l'Europeo. Bisogna essere piu' incisivi e far gol. L'Ucraina soffre e sbanda: il talento di Marlos non basta, ma la squadra di Shevchenko si risveglia, non a caso, soltanto al 25' quando gli azzurri allentano la pressione e Donnarumma compie il primo intervento a terra su una conclusione non irresistibile di Konoplyanka. Ora la partita e' piu' in bilico e al 26′ st Malinovskyi colpisce una traversa e sugli sviluppi della stessa azione Stepanenko impegna Donnarumma con un colpo di testa. Adesso i giocatori sono in condizione, stanno bene e non c'è questa necessità.

"Non credo che il nostro calcio sia a zero o sotto zero".

L'Italia è in pressing e Biraghi ha una grande opportunità all'11 ma a due metri dalla porta incontra la caviglia di un difensore: corner da cui non scaturisce comunque nulla. "Ci dispiace di averli delusi ma ci rifaremo nelle prossime gare". Su quello dovrà lavorare Mancini, che intanto può vedere il bicchiere mezzo pieno dopo la notte di Genova.

Classico 4-3-3 per gli azzurri, con spazio dal primo minuto per Barella e il tridente leggero Bernardeschi-Insigne-Chiesa, dopo le deludenti prestazioni di Immobile (in panchina), Balotelli e Belotti - lasciati invece a casa dal commissario tecnico. E' difficile per la squadra fare a meno di me?

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.