Chi è Kathryn Mayorga, la donna che ha accusato Ronaldo di molestie

Le novità sull’accusa di stupro a Ronaldo

Le novità sull’accusa di stupro a Ronaldo

Ma molto probabilmente la sua testa è altrove... Il suddetto documento risale al 2010, ma è stato pubblicato solamente in queste ore.

Due grandi sponsor di Ronaldo hanno tuttavia espresso posizioni più caute su quanto successo.

Sabato 6 ottobre il legale della donna, Leslie Mark Stovall, ha lamentato che le dichiarazioni rilasciate dalla sua assistita nove anni fa alla polizia sono sparite, così come il vestito e la biancheria intima che la donna indossava quella sera e che aveva consegnato alla polizia di Las Vegas come prova. I due ballano, si abbracciano e chiacchierano in mezzo ad altre decine di persone. Nel 2017, però, lo Spiegel ha ottenuto attraverso Football Leaks documenti attestanti un accordo privato risalente ai mesi successivi al presunto stupro nel quale Kathryn Mayorga si impegnava a non parlare mai di quanto accaduto ricevendo in cambio un pagamenti di 375.000 dollari. Kathrin Mayorga sostiene che il calciatore l'ha attaccata in un hotel di Las Vegas 9 anni fa. Secondo Der Spiegel all'epoca non era in condizioni fisiche e mentali per firmare quell'accordo che ora viene impugnato e che fu sottoscritto su suggerimento di un avvocato non esperto di questioni legate alla violenza sessuale. Il portoghese, infatti, si è rivolto a David Chesnoff, avvocato penalista di Las Vegas, che nella sua carriera ha difeso molti grandi personaggi del panorama dello spettacolo americano.

Importanti aggiornamenti arrivano dagli States per quanto concerne la vicenda stupro che vede coinvolto Cristiano Ronaldo. La Juventus s'è stretta intorno al proprio calciatore, la famiglia di CR7 ha fatto quadrato, sui social non mancano le critiche e al tempo stesso i 'tifosi' dell'ex Real.

Secondo Associated Press anche Save The Children sta valutando la situazione per verificare l'opportunità di proseguire nel rapporto con il calciatore portoghese perché le accuse, qualora dimostrate, renderebbero incompatibile la sua immagine con la missione dell'associazione.

La Juventus si è schierata in difesa del suo campione con un messaggio su Twitter del 4 ottobre.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.