Di Maio,deficit lo restituiamo nel 2019 - Politica

Manovra, Di Maio: 'Commissione UE non eletta dal popolo, le minacce non ci fermeranno'

Manovra, Di Maio: 'Commissione UE non eletta dal popolo, le minacce non ci fermeranno'

Il rapporto deficit/pil sarà fissato al 2,4% nel 2019, la cui percentuale scenderà al 2,1 e all'1,8 rispettivamente nel 2020 e nel 2021.

Una critica non tanto all'attuale governo quanto ai precedenti è arrivata dal deputato di LeU Stefano Fassina.

Il deficit dell'Italia scenderà al 2% nell'arco di tre anni. Ieri la giornata di Borsa si è chiusa con lo spread che ha superato quota 300 e il rendimento dei titoli di Stato decennali che ha raggiunto il 3,44%, toccando in massimi dal 2014 (Il Sole 24 Ore). In ogni caso, ha detto il commissario, 'sarebbe assurda una crisi tra Roma e Bruxelles'. "La verità è che a qualcuno dà fastidio che l'Italia ha rialzato la testa", ha aggiunto Di Maio.

Buone nuove anche sul fronte disoccupazione, con un tasso che si posizionerà addirittura tra il 7% e l'8%.

Secondo il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini, intervenuto a Radio Anch'io, i numeri della manovra dovrebbero essere diversi rispetto a quanto illustrato. Critiche erano giunte da Confindustria, che teme un aumento delle tasse in assenza di coperture chiare. "Ovviamente attendiamo la bozza della legge di stabilità, certo che a prima vista i piani italiani non sembrano compatibili con le regole del Patto", ha dichiarato. "Per il resto, senza essere medico, ho sempre saputo che è la febbre ad avere effetti, non certo il termometro". "Se ci sono solo pregiudizi e non si entra nel merito allora ci dicano che non va bene per partito preso".

"Per il momento il deficit al 2,4 resta sicuramente per il 2019, per il 2020 e 2021 stiamo vedendo di accelerare l'abbassamento del rapporto deficit-pil con un intervento massiccio di tagli agli sprechi, con la previsione di una crescita più alta e con la valorizzazione degli investimenti". Vuol dire che potenzialmente possono andare finalmente in pensione 400 mila persone e si liberano altrettanti posti di lavoro. Reddito di cittadinanza (senza spese 'immorali') e assistenzialismo. "Non è una priorità della Lega ma c'è nel contratto di governo". Alla riunione si attende che venga formalizzato il placet del governo sulla nota di aggiornamento al Def. Per dimostrare alle istituzioni comunitarie che lunedì hanno bruscamente rimbalzato Giovanni Tria che il ministro dell'Economia è con il governo, e il governo è con il ministro dell'Economia. "Abbiamo bisogno di una crescita vigorosa, ed allo stesso tempo di una maggiore resilienza".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.