Giorgetti (Lega) sfida Bruxelles: "Possibile sforare il 3% Ue"

Giancarlo Giorgetti con Matteo Salvini

Giancarlo Giorgetti con Matteo Salvini

In soli tre mesi sono state oltre 60 le tappe per show e feste scelte da Matteo Salvini. In quel caso, il leader potrebbe cambiare registro.

Riguardo la missione Sophia, l'operazione lanciata dall'Unione europea nel Mediterraneo per affrontare la questione dei migranti, Salvini chiede e si auspica un cambio delle regole in cui ognuno faccia la sua parte "altrimenti - ha detto - per me può anche finire quella missione lì, se devono arrivare tutti in Italia". Giancarlo Giorgetti, intervistato da Peter Gomez alla festa del Fatto Quotidiano alla Versiliana, ha risposto in questo modo alla domanda sulla sentenza sui fondi della Lega. Detto questo, il governo non rischia.

"Se la Lega avesse voluto staccare la spina il giorno dell'avviso di garanzia a Salvini nell'ambito dell'indagine sulla Diciotti avremmo avuto un buon motivo".

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon la parola "Pagina Italia" o "Panorama Italia" Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

L'esponente leghista, invece, oggi ha aggiustato il tiro, avvicinandosi alle posizioni del M5S, affermando che "sulla revoca della concessione bisogna andare dritto per dritto" e "poi discuteremo politicamente come procedere", ma "la responsabilità di Autostrade appare evidente, e la vedo difficile pensarla diversamente".

Secondo le indiscrezioni di stampa, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarebbe intenzionato a convocare una "Cabina di regia" all'inizio della prossima settimana, per placare le fibrillazioni interne tra M5s e Lega. "La seconda possibilita' e' quella di fare una nuova gara con modalita' diverse, su tariffe e manutenzione".

Il sottosegretario alla Presidenza ritiene possibile sforare il tetto del 3% del deficit/Pil "se è necessario per mettere in sicurezza questo Paese", perché si tratterebbe di una decisione "nell'interesse di tutta l'Europa". Infine, Giorgetti mostra ottimismo sui futuri rapporti interni all'esecutivo: "L'unico problema per mettere d'accordo Tria, Salvini e Di Maio e' trovarli insieme. C'è già una procedura avviata", dice.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.