Terremoto, raggiunte le 200 scosse: l'Ingv fa il punto della situazione

Scossa di terremoto in Emilia

Scossa di terremoto in Emilia

La scossa più forte si è avuta alle 00.10, ancora a Montecilfone, con magnitudo 3.2. Rimangono indelebili le feriti e i ricordi del terremoto che devastò la regione nel 2012. Si ha paura quando la terra comincia a vibrare. Tanti i cittadini svegliati nel cuore della notte. Stando ai dati riportati dall'istituto Nazionale di Geofisica l'episodio si sarebbe verificato a 9 km di profondità: distanza sufficiente a far sobbalzare anche gli abitanti di Modena, Suzzara, Parma, Correggio, Mantova e addirittura qualche paese del Veneto e della Lombardia, prossimi geograficamente all'Emilia.

"Sembrava un'esplosione", ha scritto qualcuno sui social.

La prima dichiarazione in merito alla forte scossa di terremoto di magnitudo 7.3 avvertita in Venezuela nel pomeriggio di martedì 21 agosto 2018 (le 23:31 in Italia) è arrivata dal Ministro dell'Interno di Caracas, Nestor Reverol: "Finora non si segnalano vittime e che il ministero è in contatto con tutti i governatori degli Stati coinvolti per avere una visione complessiva dei danni causati dal sismo e determinare le iniziative da adottare da parte del governo centrale". Il terremoto è stato distintamente avvertito dalla popolazione, ma al momento non si segnalo danni a persone o cose.

Interessata a due scosse di terremoto l'Emilia Romagna. Un dato positivo, insomma, che non mette però da parte il fatto che anche in Molise la notte scorsa è tornata la paura del terremoto. Il movimento tellurico più intenso è stato avvertito il 16 agosto, intorno le 20:19, di magnitudo 5.1.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.