La foto della poliziotta che allatta un bambino malnutrito

Un gesto istintivo, ha raccontato. Soprattutto nei paesi in via di sviluppo, dove donne già entrate nello stato di menopausa o giovani che non avevano mai avuto figli allattavano con successo bambini rimasti orfani. Tutto merito di una "poppata" che Celeste ha donato ad un piccolo di sei mesi nel corso del suo turno di guardia all'ospedale Sor María Ludovica di Buenos Aires.

A rendere noto il gesto della poliziotta, accaduto lo scorso 15 agosto, è stato Marcos Heredia, collega dell'agente: "Voglio rendere pubblico questo grande gesto di amore che hai compiuto oggi con quella bimba, che tu non conoscevi, ma per la quale non hai esitato a comportarti come una madre", ha scritto, postando la foto su Facebook.

Ha fatto il giro del mondo la fotografia di una poliziotta argentina che allatta un neonato malnutrito, portato in ospedale dagli assistenti sociali insieme a cinque suoi fratelli. È stato allora che il suo istinto materno l'ha spinta a sbottonarsi la divisa e a compiere il gesto. L'agente era in turno all'ospedale pediatrico di La Plata, come servizio di sorveglianza, quando ha sentito il bambino di 8 mesi piangere a lungo. E, infatti, la foto ha fatto il giro del web e scaldato il cuore di chiunque l'abbia vista.

"Ho notato che era affamato, si stava mettendo la mano in bocca, quindi ho chiesto di poterlo abbracciare e allattarlo al seno. Mi spezzava l'anima, vederlo così". In quel centro sanitario erano stati affidati sei fratellini, separati dalla madre perché, secondo i servizi sociali, aveva un tenore di vita incompatibile con quello dei bambini. La poliziotta è stata promossa dopo questo episodio. La foto, scattata dal collega, è diventata virale.

"Senza conoscerlo non hai esitato e per un attimo hai agito come se fossi sua madre, senza curarti della sporcizia e dell'odore come facevano invece i professionisti dell'ospedale". Ayala è stata promossa dal capo della polizia di Buenos Aires, Cristian Ritondo, alcuni giorni dopo che l'immagine è stata diffusa.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.