Nave Diciotti, Toninelli: "Spetta a Malta farsi carico dei 177 a bordo"

PoliticaPrimo Piano Nuovo scontro Italia-Malta. Respinta la Diciotti con 190 immigrati a bordo Di Adolfo Spezzaferro- 17 agosto 201812541

PoliticaPrimo Piano Nuovo scontro Italia-Malta. Respinta la Diciotti con 190 immigrati a bordo Di Adolfo Spezzaferro- 17 agosto 201812541

La nave della guardia costiera italiana, quindi, è da quasi quattro giorni tra Malta e Lampedusa. Il primo cittadino delle due isole denuncia poi il fatto che "nello stesso porto sbarcano piccole imbarcazioni con a bordo migranti", "si finge di non vedere", la considerazione di Martello.

I ministri Salvini e Toninelli accusano Malta e chiedono che l'Europa sanzioni un comportamento giudicato illegale, mentre la diplomazia è al lavoro per provare a risolvere la questione con l'ennesimo compromesso, magari distribuendo i 177 naufraghi fra vari stati europei. "L'Ue si faccia avanti e apra i propri porti alla solidarietà, altrimenti non ha motivo di esistere", ha scritto Toninelli su Facebook.

Per i migranti a bordo della nave "Diciotti" "l'unica soluzione finale è di sbarcarli a Lampedusa o in un porto italiano".

Sul caso della nave, come apprende l'Adnkronos, la Procura di Agrigento, guidata dal procuratore Luigi Patronaggio, ha avviato un'indagine affidata alla Capitaneria di porto di Porto Empedocle e alla Squadra mobile di Agrigento.

Sulla nave Diciotti si trovano i migranti che si erano avvicinati alle coste maltesi ma che, la notte del 14 agosto, il governo di malta aveva deciso di non soccorrere.

Un rimpallo di responsabilità che non ha precedenti. "Qualcuno si degnerà di intervenire o li manderanno ancora una volta in direzione Italia?".

Dopo giorni di tira e molla tra Roma e Bruxelles sul destino dell'imbarcazione della Guardia Costiera, questa mattina da più parti si sono alzate voci per permettere uno sblocco dello stallo.

Sulla nave, intanto, sale la tensione: intervistato dal Corriere della Sera il luogotenente della Guardia costiera italiana Antonio Ciavarelli, che è in costante contatto con il personale a bordo della Diciotti, ha definito "ingiusti" gli attacchi che stanno subendo i militari che si occupano, tra l'altro, del salvataggio di migranti in mare. In sostanza, sostiene Malta: l'Italia è intervenuta appositamente in acque Sar maltesi per poter sostenere che i migranti dovevano sbarcare a Malta. "Ci sono stati dei movimenti è vero, ma per ora non si sta dirigendo qui".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.