La camera approva il taglio dei vitalizi a 1.240 ex Parlamentari

Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

L'ufficio di presidenza della Camera ha approvato la norma che ricalcola i vitalizi degli ex parlamentari, assimilandoli alle pensioni calcolate col sistema contributivo.

Il taglio interessa 1240 ex deputati. Nelle scorse ore è uscito nuovamente allo scoperto il ministro del lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, che intervistato da Monica Giandotti nel programma Agorà su Rai Tre, ha ammesso: "Dedico l'abolizione dei vitalizi a tutti i cittadini danneggiati dalla Fornero: tagliamo i privilegi per finanziare i diritti".

Di Maio esulta: "Bye Bye vitalizi" e invita tutti a condividere la notizia.

Lo scotennamento pubblico di ex deputati e senatori non appartiene al dossier del riequilibrio del nostro sistema previdenziale (come ha fatto finta di credere il presidente dell'Inps Boeri), ma a quello dell'usurpazione della democrazia rappresentativa a vantaggio di una democrazia diretta di piazza, agli ordini di un qualche Casalino. "Prendiamoci questa piccola rivincita. La prima di tante che ci aspettano".

"Giorno storico, abbiamo abolito i vitalizi ai parlamentari". A guardare negli elenchi della Camera (cifre lorde), fra gli "ex" toscani spicca Marida Bolognesi, ex di Rc e Ds; per 4 legislature dovrà accontentarsi di 6147 euro e non più di 8455. "E al Senato completeremo l'opera", ha aggiunto. Lucio Tarquinio, foggiano, 68 anni, consigliere regionale dal 7 maggio 1990 al 14 marzo 2013, e il salentino Rocco Palese, ex assessore al Bilancio con Fitto in carica dal 24 aprile 1995 al 14 marzo 2013, hanno un assegno mensile da 9.724,81 euro lordi. Il resto della compagnia sarà sottoposto ad una drastica, nella stragrande maggioranza dei casi, "cura dimagrante". Secondo il presidente Fico i risparmio ammonteranno a 40 milioni l'anno. In realtà, dietro l'operazione vitalizi si nasconde anche un passaggio culturale più raffinato: da un lato un clima di questo tipo serviranno a giustificare il ricalcolo delle pensioni dei lavoratori col metodo contributivo anche dal 1996 al 2012, periodo garantito a regime retributivo dalla riforma Dini del 1996. Non la condivido, ma mi rendo conto che è il periodo che si va per slogan e quindi come slogan viene bene.

"Dopo il taglio dei vitalizi mi sembra arrivato anche il momento di tagliare il numero dei parlamentari".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.