Addio a Koko, la gorilla che conosceva la lingua dei segni

Addio a Koko, la gorilla che conosceva la lingua dei segni

Addio a Koko, la gorilla che conosceva la lingua dei segni

Ad annunciarlo con un tweet è stata la Gorilla Foundation. I risultati che hanno fatto seguito alle ricerche su Koko hanno rivoluzionato il modo di vedere le capacità intellettive ed empatiche degli animali.

Koko aveva incontrato l'attore Robin Williams; quando apprese nel 2016 del suicidio dell'attore divenne "molto triste", segnalando la parola "pianto" e inchinando la testa.

L'attore aveva definito una "esperienza che ti cambia la mente" l'incontro con Koko.

E' morta Koko: la gorilla che aveva imparato il linguaggio dei segni e che conosceva 2000 parole è morta nel sonno all'età di 46 anni. La foto che ritraeva Koko mentre piangeva commosse milioni di persone.

"Mancherà profondamente a tutti", ha scritto la Fondazione.

Nata il 4 luglio 1961 nello zoo di San Francisco, Koko era stata inizialmente chiamata Hanabi-ko, che in giapponese significa "bambino dei fuochi d'artificio", in riferimento alla sua data di compleanno che cadeva il 4 luglio, festa dell'indipendenza americana.

Il National Geographic aveva anche dedicato una copertina del 1978 alla gorilla, pubblicando un'immagine in cui Koko si scattava una foto allo specchio.

Roma - È morta a 46 anni la gorilla Koko, famosa in tutto il mondo per la sua capacità di parlare nella lingua dei segni inglese.

In seguito, la dottoressa e il biologo Cohn hanno spostato la gorilla in una nuova riserva per continuare a studiarla, affiancandola a un gorilla nel 1979. Per onorare la sua memoria, l'organizzazione ha annunciato che proseguirà gli sforzi per la conservazione della specie in Africa e svilupperà un'app per il linguaggio dei segni, rivolta sia ai bambini che agli animali.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.