Eurozona, Macron e Merkel chiedono Bilancio comune entro 2021

Il coraggioso Governo di Giuseppe Conte propositivo di fronte alla Merkel

Il coraggioso Governo di Giuseppe Conte propositivo di fronte alla Merkel

La solidarietà all' Italia dell'accoglienza dei migranti non è nuova perché, almeno nelle parole, anche in passato questa intenzione era stata espressa nel incontri ufficiali. La Merkel accetta di andare su quel terreno, ma senza esporsi con promesse concrete: "Sappiamo che l'Italia ha problemi con la disoccupazione giovanile, anche su questo è importante collaborare".

Merkel e Macron annunciano al termine del bilaterale di Meseberg che va evitato lo spostamento dei migranti già registrati in un Paese. L'obbiettivo comune di Italia e Germania, stando a quanto dichiarato dalla cancelliera tedesca, è quello di modificare gli accordi presi con il trattato di Dublino in modo tale da creare un sistema di sussistenza solido che permetta alle nazioni europee di gestire l'accoglienza con ordine ed evitare che i migranti vengano utilizzati per la tratta umana che da decenni caratterizza i viaggi di speranza in mare di uomini, donne e bambini. "Siamo a favore di un budget dell'eurozona e della trasformazione del Meccanismo di solidarietà europeo Esm in un fondo monetario europeo". "L'Italia non può restare da sola, e senza adeguati meccanismi di solidarietà che operino una redistribuzione più equa".

"E' fondamentale sostenere le autorità libiche nel contrasto ai network criminali che sfruttano l'immigrazione". Per l'emergenza migranti "servono soluzioni europee, senza innescare dinamiche bilaterali che rischiano di costituire la fine di Schengen", ha detto Conte. Lo ha detto la Cancelliera Angela Merkel nel corso di un incontro con la stampa insieme al premier Giuseppe Conte.

"Sull'eurozona abbiamo raggiunto un buon risultato".

Difficile però che Matteo Salvini possa portare dalla parte dell'Italia paesi come l'Austria, che ha sempre proposto una linea simile a quella ora portata avanti dalla Germania, con lo stesso discorso che potrà valere anche per le nazioni dell'Est con in testa l'Ungheria di Orban. Si e' convenuto - riferiscono le stesse fonti - di valutare l' opportunita' di fare un incontro preliminare rispetto al consiglio Ue cosi' da poter approfondire meglio la proposta italiana. Sa come noi che il fenomeno ha tante implicazioni e senza la gestione europea è destinato a rimanere senza controllo. E qui il messaggio politico è ancora più chiaro: "Tema cruciale del mio governo è la lotta alla povertà e il reddito di cittadinanza, la riforma dei centri per l'impiego, che si inseriscono in una serie di riforme strutturali".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.