Karius subì una commozione cerebrale dopo la gomitata di Ramos

Il portiere del Liverpool Loris Karius, che nella finale di Champions League persa contro il Real Madrid è stato diretto responsabile di due dei tre gol segnati dagli avversari, potrebbe aver giocato al di sotto delle proprie capacità per le conseguenze di una commozione cerebrale durante la partita. I fatti prima di tutto.

Dopo il pareggio del Liverpool e l'ormai noto gol in rovesciata di Gareth Bale, Karius è stato protagonista di un secondo errore, quando si è fatto sfuggire un tiro forte ma centrale da molto lontano, sempre di Bale.

Il Liverpool ha voluto vederci più chiaro e ha spedito Karius negli Usa.

Prima che Karius regalasse la palla a Benzema in maniera assolutamente clamorosa, il portiere era stato colpito alla tempia dal difensore spagnolo, che aveva già messo ko Salah con un colpo proibito.

Visite mediche effettuate dall'estremo difensore tedesco al ospedale Mass General di Boston lo scorso 31 maggio (5 giorni dopo il match) hanno infatti evidenziato "una disfunzione visuale-spaziale occorsa immediatamente dopo lo scontro con Sergio Ramos". Il 31 maggio 2018, il Sr. Dopo una accurata revisione dei referti, siamo giunti alla conclusione che il Sr. "Dopo aver esaminato attentamente le immagini della partita e fatto i nostri esami, abbiamo concluso che Karius ha avuto una commozione cerebrale durante l'incontro", ha aggiunto Zafonte. "Karius presenta sintomi residuali i quali dimostrano che dopo il contatto esistevano palesi disfunzioni visive e di orientamento che hanno inciso sulla sua efficienza e sulla sua prestazione e che necessitavano di un intervento immediato". Ci aspettiamo che con il trattamento e seguendo i protocolli di attività prescritti continuerà a migliorare.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.