Parlamento Ue: le spese pazze del gruppo di Le Pen e Salvini

Da una verifica sui conti del gruppo Enl (Europa delle Nazioni e delle Libertà), del quale fanno parte - tra gli altri - anche il leader leghista Matteo Salvini, l'olandese Geert Wilders e Marine Le Pen fino al giugno scorso, secondo il settimanale satirico Le Canard ci sarebbe qualcosa che non tornerebbe.

Tra gli acquisti all'indice anche 230 bottiglie di champagne, centinaia di regali di Natale da oltre 100 euro ciascuno e una cena di Natale per 140 persone per un totale di 13.500 euro.

Hanno tempo fino a metà giugno per rendicontare con dichiarazioni scritte e documentate dove sono finiti i soldi, oltre 427mila euro, che erano stati versati dal Parlamento europeo per ricoprire costi operativi, e che invece sembrano essere stati usati per altri scopi. Al gruppo parlamentare sarebbero state messe in conto le spese di serate in locali esclusivi nella Capitale francese, tra cui una costosissima cena in un ristorante nei pressi degli Champs-Elysées, giustificata come incontro tra "industriali" e che vede un conto salatissimo di 401 euro a persona.

È quanto si legge in un comunicato della Lega. Cosa che viene rimarcata in ambienti parlamentari europei.

"Sulle presunte cene rimborsate dal gruppo Enf si precisa che, al contrario da quanto riportato da alcuni giornali, Matteo Salvini non vi ha mai partecipato né a Parigi, né altrove". Il gruppo di estrema destra dell'Europarlamento si tratta bene.

Il controllo delle spese relative al 2016 ha portato alla luce l'opulenza e lo sfarzo dei ritrovi del gruppo di 36 eurodeputati di estrema destra.

La bozza della commissione per il controllo dei bilanci è stata poi trasmessa, appunto, al Bureau dell'Europarlamento, di cui fanno parte il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e i suoi 14 vice-presidenti: è infatti a questo ufficio che spetta la decisione formale della fattura da indirizzare al gruppo Eln, decisione che per il momento è stata rimandata in attesa di ricevere giustificazioni. Ogni anno il Bureau del Parlamento europeo deve convalidare i conti dei diversi gruppi politici: questi ultimi giustificano l'uso di fondi europei che sono stati versati per coprire i costi di funzionamento.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.