Google I/O 2018, l'intelligenza artificiale è ovunque: tutte le novità

Google I/O 2018 / Manca poco all'evento hi-tech dell'anno: come seguirlo in diretta streaming

Google I/O 2018 / Manca poco all'evento hi-tech dell'anno: come seguirlo in diretta streaming

Una piattaforma destinata agli sviluppatori, che poggia sul backend infrastrutturale della stessa Google, e che consente la messa in produzione e la successiva manutenzione di dispositivi IoT Android partendo non solo da una release "stabilizzata" del sistema operativo, ma soprattutto da un ecosistema di partner e dagli strumenti messi in campo di nuovo da Google, da Assistant fino al machine learning. La nuova visione per la AR personalizzata coinvolge anche Google Maps, che presto sarà in grado - e non solo su Android - di sovrapporre indicazioni e annunci in grafica di sintesi alle immagini reali catturate per i percorsi di StreetView.

La più grande innovazione è rappresentata dai gesti: con uno swipe dal basso verso l'alto si apre il menu delle app e quello del multitasking.

Si può sempre scorrere lateralmente sul nuovo indicatore per passare rapidamente tra le varie applicazioni recentemente utilizzate.

La funzionalità rappresenta un'evoluzione molto avanzata del sistema di completamento automatico delle frasi, già presente nella tastiera Gboard, quella creata da Google. Grazie alla sezione Per te, che tiene aggiornato l'utente sugli argomenti che gli interessano di più (sempre personalizzabili), compresi i video e un nuovo formato battezzato newscasts, una specie di carillon di contenuti sullo stesso tema ideale per la fruizione mobile.

Per evitare un utilizzo eccessivo dello smartphone, l'utente potrà impostare alcuni limiti oltre i quali le applicazioni non si potranno utilizzare.

Ma Google Assistant non si ferma e già ora ha incluso avanzamenti importanti: ad esempio ha incluso sei nuove opzioni vocali, ovvero voci diverse, sia maschili che femminili, con accento americano, di cui una più dolce ed una più profonda e graffiante.

Infine, dice Pichai, "a breve, il vostro Assistente Google potrebbe essere in grado di aiutarvi con le attività che ancora richiedono una telefonata, come prenotare un taglio di capelli o verificare gli orari di chiusura di un negozio". La nuova veste di Android sarà sperimentabile su Pixel, lo smartphone di casa Google, ma anche su una serie di marchi partner come Nokia, Vivo, OnePlus, Xiaomi, Sony, Essential e Oppo. L'app ora può dire se il locale che si sta cercando è aperto, quanto è affollato e se è facile trovare parcheggio prima dell'arrivo.

Attraverso la piattaforma, il telefono ci aiuterà a navigare meglio e ad anticipare automaticamente la nostra prossima azione.

Le novità, tuttavia, non riguardano soltanto cià che è stato detto precedentemente. Lo sviluppo delle storie avrà anche una sequenza temporale di eventi, in grado di mostrare una ripartizione precisa di quando e dove sono venute alla luce nuove informazioni.

Quando cambieranno le condizioni ambientali verranno riproposte quelle che più si adattano alle impostazioni manuali precedentemente impostate dall'utente, per un livello di luminosità più personalizzabile e coerente con le esigenze dell'utilizzatore. Ad esempio sarà possibile iniziare la riproduzione dei brani musicali nel momento in cui vengono inserite le cuffie nel dispositivo mobile.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.