Trattative governo, pace 'armata' in casa PD: Mattarella dà l'incarico? [LIVE]

Caos post elettorale

Caos post elettorale

Nei giorni scorsi è tramontata anche la possibilità di un'intesa tra il Movimento Cinque Stelle e il Partito democratico. Oppure, più semplicemente, continuerà ad aspettare una posizione chiara dai dirigenti del Pd. Matteo Salvini si dice pronto a chiedere un pre-incarico a Sergio Mattarella, per verificare la possibilità di far nascere un governo da lui presieduto. "Avevo già detto che assicuravamo preghiere al presidente Mattarella, mi pare che le dobbiamo aumentare ancora di più". Colpisce, e forse merita due chiacchiere, che si sia dilungato contro l'Unione europea proprio nel giorno delle prime indicazioni sul parere di Bruxelles a proposito dei conti pubblici e dello stato delle riforme in Italia. Oggi, in occasione del Primo Maggio, il Capo dello Stato ha ricordato "Non mancano difficoltà nel nostro cammino". Quindi non resta che la primavera del 2019.

Insomma un governo per la manovra che però, se bocciato in Parlamento, si trasformerebbe in un governo elettorale, con il compito di gestire il ritorno alle urne presumibilmente ad ottobre. E non è certo Martina il candidato renziano nel caso in cui si scelga infine l'elezione in assemblea rimandando il congresso: l'anti-Martina potrebbe essere il "pontiere" Lorenzo Guerini ma si fanno anche i nomi di Ettore Rosato e Debora Serracchiani.

Come si fa a consultare i parlamentari? Il presidente della Repubblica avrebbe a disposizione pochissimi giorni per ottemperare a tutti i procedimenti formali: lo scioglimento delle Camere e la promulgazione e pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale. Sarebbe comunque quello l'esecutivo che guiderebbe il Paese al voto. Le nuove elezioni politiche a giugno diventerebbero una vera e propria corsa a ostacoli e contro il tempo.

Mattarella, inoltre, quasi certamente non potrà procedere da subito allo scioglimento delle Camere da poco elette. Il capo dello Stato ha deciso di lasciare passare il fine settimana per consentire ai partiti un nuovo margine di riflessione. Questa volta saranno consultazioni molto veloci perchè ormai i tentativi più probabili sono stati esperiti.

Tra le ipotesi teoricamente percorribili da Mattarella restebbe quindi un accordo di governo M5S-Lega, ma il leader di quest'ultima forza politica sembra voler capitalizzare il potenziale elettorale della coalizione di centrodestra, che potrebbe crescere in consensi, come indicano le Regionali di Molise e Friuli.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.