Iran, Netanyahu: "Abbiamo prove di programma atomico segreto"

SIRIA. Ottomila miliziani sciiti addestrati da Teheran

SIRIA. Ottomila miliziani sciiti addestrati da Teheran

Israele ha rinvenuto 55mila file di informazioni che "incriminano" l'Iran con una operazione d'intelligence, ha annunciato il premier, secondo il quale nel 2017 i file sul nucleare sono stati trasferiti in una "localita' altamente segreta in Iran", della quale e' stata mostrata un'immagine. È quanto ha dichiarato in un messaggio alla nazione, nella serata di lunedì, il Premier israeliano Benyamin Netanyahu, avviando quella che potrebbe diventare una nuova crisi su vasta scala in medio oriente.

Ribadito, dopo le novità esposte dal premier israeliano, da Federica Mogherini: "Da quello che abbiamo visto dalla sua esposizione, Netanyahu non ha messo in dubbio l'adempimento dell'Iran" all'accordo sul nucleare, perché quest'ultimo "non è basato su buona fede o fiducia, ma su impegni concreti, meccanismi di verifica e una rigido monitoraggio dei fatti", che certificano come "l'Iran rispetti pienamente i patti", ha spiegato l'Alto rappresentante per la politica estera Ue. Una diretta Tv per denunciare che l'Iran ha un programma segreto, chiamato Amad, per la creazione di cinque bombe atomiche "equivalenti a quella di Hiroshima". In sostanza, ha concluso Netanyahu, è stato già chiesto al presidente Trump di far saltare l'intesa, un accordo che lo stesso Tycoon ha minacciato più volte di voler far saltare. Mostra video, documenti, foto. E precisa che tutto il materiale è stato condiviso con gli Stati Uniti e sarà consegnato all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea).

"Siamo molto orgogliosi - ha aggiunto - che il suo primo viaggio all'estero (da capo del Dipartimento di Stato, ndr) abbia incluso una visita in Israele".

Intanto, mentre crescono pericolosamente le tensioni tra Israele e Iran, una serie di terribili esplosioni ha scosso la notte scorsa due province nel nord della Siria dove diversi missili hanno colpito installazioni militari provocando decine di morti, forse anche iraniani. Questi ha proseguito sottolineando come sia "evidente" che "alcuni aspetti" del Jcpoa "possono essere migliorati". L'attacco è avvenuto alle 22:30 di ieri ora locale (le 21.30 ora italiana), dopo che Netanyahu aveva ricevuto il segretario di Stato americano Mike Pompeo e aveva avuto un colloquio al telefono con il presidente Donald Trump.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.