Sana Cheema, la giovane pakistana uccisa da parenti in patria

S'innamora dell'uomo 'sbagliato', viene sgozzata dal padre e dal fratello

S'innamora dell'uomo 'sbagliato', viene sgozzata dal padre e dal fratello

A Brescia aveva frequentato le superiori lavorando poi nell'ufficio di un'autoscuola dove si era fatta apprezzare per competenza e professionalità. Il delitto è avvenuto nel distretto pakistano di Gujarat, dove la giovane era nata e dove era tornata dalla famiglia un paio di mesi fa. I genitori avevano vissuto con lei per anni, ottenendo anche la cittadinanza italiana, poi si erano spostati in Germania. Ma proprio da alcuni famigliari sarebbe stata uccisa: il padre e il fratello sono stati arrestati dalle autorità pachistane per aver sgozzato la 25enne, i cui funerali sarebbero già stati celebrati nel suo Paese natale.

Un amore dal tragico epilogo quello di Sana Cheema, 25 anni, pachistana.

La giovane - scrive BresciaToday - si sarebbe ribellata alle decisioni degli uomini della sua famiglia, a un matrimonio combinato da anni, confidando i suoi sentimenti per un ragazzo italiano e per questo sarebbe stata ammazzata. Peccato però che questo eccesso di accidentalità abbia fatto andare fuori di testa il fratello e il padre: in Pakistan vige infatti la regola ferrea che il promesso sposo viene scelto dai parenti.

L'omicidio di Sana ricorda la vicenda di Hina Saleem, la ventenne pakistana assassinata nell'agosto 2006 a Sarezzo, sempre nel bresciano. La motivazione era che voleva vivere secondo i costumi occidentali, sovvertendo le tradizioni e i costumi pakistani.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.