M5S, Toninelli: "Mai con Berlusconi. Spero in un patto con il Pd"

Il capogruppo M5S alla Camera Danilo Toninelli:

Il capogruppo M5S alla Camera Danilo Toninelli: "Se Casellati fallisce spero nel Pd. Ma Renzi o no conta l'intesa sul

"Sulla povertà noi abbiamo il reddito di cittadinanza e loro il Reddito di Inclusione: troveremo una via di mezzo e combattiamo seriamente la povertà". Purtroppo Salvini continua a restare con quel centrodestra che è un'ammucchiata. E noi vogliamo cercare di sfruttare tutte le possibilita' per dare un governo a chi ci ha votato. "Non tutti hanno la stessa ricezione dei messaggi e noi dobbiamo farci capire da tutti", ha aggiunto. Se il metodo è quello del contratto alla tedesca, con tutte le righe numerate e che vincola i partiti che lo hanno firmato, che ci sia Renzi o non ci sia, quando il suo partito è vincolato a quanto c'è scritto, importa poco. Ma il Movimento che cosa preferirebbe? Stamattina a parlare è stato Danilo Toninelli, capogruppo al Senato, che si rivolge nuovamente ai dem. "Vedo se riesco ad inventarmi qualcosa di più rispetto a ciò che già come Lega abbiamo ipotizzato per fare partire un Governo superando i 'no', i bisticci, i litigi", ha detto il leader della Lega Matteo Salvini, oggi a Catania, per incontrare i lavoratori Auchan. "Domani l'ipotesi di un governo di centrodestra sarà finita definitivamente e Salvini dovrà decidere se restare aggrappato alla restaurazione o se scrivere un contratto di governo con noi". "Bisogna vedere, perché per noi la premiership di Di Maio non è mai stata in discussione". Non è, però, automatico un governo PD-5 Stelle.

"Vi dico solo, e lo ribadisco, che ho la netta sensazione che ci sia qualcuno che vuole perdere tempo, che non vuole nessun governo per arrivare a un governo tecnico alla Monti, telecomandato da Bruxelles per spennare gli italiani. Non c'e' piu una prospettiva di poltrone come in passato, le persone sono in secondo piano".

Mentre oggi è previsto il secondo round di consultazioni per il Governo 2018 con il mandato esplorativo affidato alla Casellati, il Movimento 5 Stelle ribadisce la propria posizione e sottolinea il veto irremovibile su Silvio Berlusconi: meglio il Partito Democratico che il Cavaliere. "Ma, poiché siamo persone responsabili e oltretutto siamo estremamente rispettosi del ruolo del Presidente della Repubblica, non vogliamo tornare al voto". "Non possiamo scrivere il contratto" di governo "con Berlusconi". E' praticamente impossibile. Ci sono divergenze programmatiche enormi con Berlusconi.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.