Gattuso ahi ahi: il Milan non vince più

Gennaro Gattuso allenatore del Milan

Gennaro Gattuso allenatore del Milan

"Il Milan tante volte ha subito gli avversari e a me non piace". Se sei da mobile guarda in alto dove ci sono i simboli degli sport scorrendo verso destra trovi un icona che si chiama diario live, clicca quella ed entra nel palinsesto del giorno (Il gioco è vietato ai minori di anni 18 - Termini e condizioni si applicano sul sito di bet365).

"Non possiamo restare fuori dall'Europa", è l'urlo di battaglia di Rino Gattuso alla vigilia della gara contro il Benevento. Il Benevento, invece, ha ormai 11 punti in meno della squadra immediatamente sopra, anch'essa candidata alla retrocessione, per cui la salvezza è praticamente impossibile, e potrebbe retrocedere dopo l'incontro del Meazza. Esprime un buon calcio grazie a De Zerbi, se non la prepariamo bene c'è da faticare.

È l'Atalanta la vera rivale per l'Europa League? "Non scordiamoci dov'eravamo 4 mesi fa". In questo momento voglio vedere la voglia di aiutare il compagno, il senso di appartenenza. Non cambia molto essere inseguito o inseguitore. In questi due mesi, le critiche si sono susseguite e l'allenatore ha sempre difeso il proprio centrocampista, anche nei momenti di maggiore difficoltà: "Più criticano i miei giocatori, più li faccio giocare".

A complicare la rincorsa del Milan, oltre al calendario complicato delle ultime partite e un'evidente stanchezza palesata da alcuni dei titolarissimi rossoneri, anche la poca prolificità del reparto offensivo: "Io devo cercare di fare risultato e raggiungere gli obiettivi, non pensare al record negativo degli attaccanti".

Ecco, la questione attaccanti: al Milan manca il cosiddetto bomber da 20 reti. Andrè Silva, a porta vuota, contro la Juve non fa gol, adesso ci dice così. Dopo 2 o 3 partite si ferma sempre. "Io e il mio staff conosciamo pregi e difetti della rosa".

Problemi in zona gol - "La cosa che mi interessa di più è l'equilibrio della squadra". Qui nessuno muore di fame, su questo posso rassicurare i nostri tifosi. "Quando si gioca con il centrocampo a tre, non puoi non pensare a lui, per noi è un giocatore importante", diceva Gattuso proprio prima della deludente sfida col Sassuolo.

Quindi, chi potrà arrivare? I ruoli li so, non so i nomi.

Allora inseguire la vittoria è più che mai diventato uno stimolo per concludere questa sceneggiatura piena di problemi e non interpretata nel modo più dignitoso possibile, per strappare qualche applauso sul finale. Pogba, Cristiano Ronaldo, Messi... Davanti a Donnarumma, giocheranno Calabria, Bonucci, Zapata e Rodriguez.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.