Mariah Carey: "Combatto il disturbo bipolare da 17 anni"

Mariah Carey: «Combatto il disturbo bipolare da 17 anni»

Mariah Carey: «Combatto il disturbo bipolare da 17 anni»

A rivelarlo è la stessa cantante su People, raccontando che nel 2001, dopo essere stata ricoverata in ospedale per una crisi fisica e mentale, ha avuto la diagnosi. All'inizio, impaurita e incapace di accettare l'idea di avere un problema, ha preferito isolarsi.

Ora la Carey ha preso la situazione in mano, ma soprattutto ha capito l'importanza di far conoscere questo disturbo, strappandolo dalla demonizzazione comune. La cantante pensava di avere un semplice disturbo del sonno, causato dall'eccessivo lavoro. Lavoravo, lavoravo e lavoravo...era una forma di mania.

"Fino a poco tempo fa vivevo nell'isolamento e nella costante paura di essere esposta da qualcuno", ha detto. Era un peso troppo pesante da portare e semplicemente non potevo più farlo. Ho cercato e ricevuto cure, mi sono circondata di persone positive e sono tornata a fare ciò che amo: "scrivere canzoni e fare musica". In ambiente lavorativo ammette di essere diventata intrattabile e alla fine è riuscita a comprendere le motivazioni di determinati atteggiamenti: "i miei episodi depressivi erano caratterizzati da crolli di energia". "Ero irritabile. Mi sentivo così sola e triste, e anche colpevole di non aver fatto tutto ciò che dovevo per la mia carriera".

Sebbene sia un disturbo difficile da affrontare, oggi Mariah Carey sta seguendo una terapia e i farmaci prescritti stanno funzionando bene, "non mi fanno sentire troppo stanca o pigra. Trovare il giusto equilibrio è la cosa più importante".

Ora mi trovo in un momento davvero bello, in cui riesco a parlare in maniera libera della mia sfida con il disturbo bipolare... Ha continuato: "Spero che cessino i pregiudizi che gravano sulle spalle di chi affronta tali malattie". La malattia non ci definisce. Inoltre ha dichiarato di non provare più un senso di vergogna o di risentimento quando parla della sua malattia, ma di aver accettato la sua condizione di salute.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.