Cicciobello con il morbillo, il web chiede il ritiro del bambolotto

Twitter di Roberto Burioni

Twitter di Roberto Burioni

Sicuramente si parla di una situazione molto delicata, ma il pubblico si divide tra chi è allarmista e chi invece pensa che siano stati fatte troppe esagerazioni. Scaricate qui Blitz e qui Ladyblitz.

E con l'aiuto dei coloratissimi cerotti stacca e attacca a corredo, far guarire Cicciobello Morbillino è un gioco ancora più irresistibile. Proprio perché gli anni passano e il bambolotto biondo in completo di lana celeste fatto a mano ne avrebbe oggi 50 e rotti, i creatori della Giochi Preziosi hanno sentito più volte il desiderio di rinnovare questa felice intuizione di Gervasio Chiari, fino al punto di introdurre sul mercato Cicciobello Morbillino, bambolotto con il morbillo che, però, può essere curato cancellando i puntini rossi con un'apposita salviettina, una cremina e dei cerottini.

"Attendiamo il Cicciobello Linfomino e pure quello Meningitino" chiosa Roberto Burioni, il medico pro-vax che sul suo profilo Twitter condanna il nuovo prodotto dell'azienda di giocattoli.

"Morbillino", il nuovo Cicciobello della Giochi Preziosi con il morbillo, alimenta la polemica social. Mi chiedo chi siano questi geni che banalizzano malattie gravi senza rispetto per i malati e per i loro familiari. "E pensare che me la prendo con gli antivaccinisti". "Collegare una malattia come il morbillo a qualcosa di giocoso - ha detto Ricciardi - è fuorviante". Poi arriva questo e capisci che non hanno capito un bel niente. "Giusto, Giochi Preziosi? Non era vostra intenzione banalizzare una malattia che continua a uccidere 400 bambini al giorno e in Italia ha già ucciso 3 persone nei primi 3 mesi del 2018, vero?". Basta una salvietta magica per guarire e la situazione viene riportata alla normalità. "Mai sentito parlare di social responsibility?", scrive Roberta Villa.

Da parte sua, l'azienda chiarisce: "Si tratta di un gioco, abbiamo fatto tutto in buona fede". Non pensiamo di aver fatto nulla di oltraggioso ripescando un concetto che è sempre esistito e cioè quello delle bambole con la Bua.

I maggiori rimproveri riguardano l'idea che il morbillo si possa curare con una pezza bagnata e una pennetta, "pensate davvero che un genitore vada in farmacia a chiedere la penna per curare il morbillo? - prosegue Bertè -". Piuttosto, penso che un bambino si informerà sulla malattia. Il Ceo di Giochi Preziosi, Dario Berté, è rimasto sorpreso dalle reazioni dei clienti, considerata un tantino eccessiva, visto che da sempre i bambini giocano al dottore e all'ammalato con i bambolotti.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.