Addio a Emiliano Mondonico, allenò anche il Cosenza

Il mondo del calcio piange Emiliano Mondonico Si è spento nella notte, dopo una lunga battaglia con un tumore. Aveva

Il mondo del calcio piange Emiliano Mondonico Si è spento nella notte, dopo una lunga battaglia con un tumore. Aveva

L'ennesimo lutto nel mondo del calcio: nella mattinata del 29 marzo 2018 si è spento Emiliano Mondonico, ex tecnico di Atalanta e Torino. "Da suo ex calciatore ci tengo a fare le mie più sentite condoglianze alla famiglia e a tutte le persone che hanno conosciuto e apprezzato mister Mondonico". Un vero cuore Toro, un vero sportivo e innamorato del pallone, considerato il re del buon calcio di provincia.

Appesi gli scarpini al chiodo, ha iniziato ad allenare le giovanili della Cremonese.

Con la Fiorentina, squadra per la quale non ha mai nascosto la sua simpatia ottenne nel 2003-04 la quinta promozione in A della sua carriera che lo vede al secondo posto in questa particolare classifica. Dopo aver esordito sulla panchina della Cremonese, che ha portato in Serie A, ha ripetuto l'impresa con l'Atalanta, raggiungendo anche la semifinale di Coppa delle Coppe UEFA 1987/88. Era gravemente malato da tempo.

Torino, i tifosi del Toro rendono omaggio al "Mondo" fuori dallo stadio Filadelfia "Il Mondo era tutto per il Torino, io nel 1992 sono andato per la prima volta a Madrid come tifoso e non come turista". Tante le sue esaltanti stagioni con il Torino, l'altra squadra che amava per il suo stesso carattere indomito, le tante battaglie contro la Juventus [VIDEO], la finale di Coppa Uefa nel campionato [VIDEO] 1991/92, l'altro suo grande successo. Proprio nella finale di ritorno è rimasta nell'immaginario collettivo la sua fotografia mentre impugna una sedia verso l'alto in segno di protesta nei confronti delle decisioni arbitrali. Il Mondo venne squalificato per una giornata, penalità mai scontata. Nel 1992-93, sempre con la squadra granata, Mondo vinse la Coppa Italia.

Nel 1994/95 tornò all'Atalanta riportandola subito in A e, l'anno dopo, in finale di Coppa Italia, dove i bergamaschi furono sconfitti dalla Fiorentina. Il tecnico lombardo ha infatti assistito da avversario alle ultime due promozioni in Serie A dei rossazzurri. L'ultima esperienza la visse in Serie A, sulla panchina del Novara. E soprattutto i telespettatori delle domeniche sportive dove interveniva come ospite fisso, a raccontare il calcio, più che a commentarlo dietro le solite frasi fatte di un rigore non fischiato o di un modulo di gioco indovinato.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.