Derby con l'AEK Atene, presidente Paok scende in campo con la pistola

Presidente Paok

Presidente Paok

I calciatori e i dirigenti della squadra ospite sono scappati negli spogliatoi, mentre l'arbitro ha di conseguenza sospeso la gara mentre il presidente "giustiziere" ha prima ritirato la propria squadra continuando poi ad inveire contro il direttore di gara urlandogli "la tua carriera finisce qui!". L'oligarca russo, 58enne di origini greche, aveva invaso il campo all'89' con un paio di guardie del corpo, che si erano dirette minacciose verso l'arbitro Georgios Kaminis. La partita era bloccata sullo 0-0. Una decisione, lo stop al campionato, che non rappresenta certo un'inedito per il calcio greco, travolto negli ultimi anni da gravissimi incidenti e scandali. Infatti, il presidente del PAOK, Ivan Savvidis, è entrato in campo (accompagnato dai "gorilla" in divisa del club) per palesare tutto il suo dissenso.

Ivan Savvidis gode di una doppia nazionalità, russa e greca, in quanto nasce nel 1959 a Santa, in Georgia, all'epoca stato dell'Unione Sovietica. A trattenerlo sono in tanti, ma l'ira di Savvidis non si placa. Sulla vicenda della pistola del presidente del Paoli: "All'inizio non l'abbiamo vista, poi ce ne siamo accorti perché si è avvicinato all'arbitro facendogli vedere l'anca e la fondina". Ma quel gesto è un'azione disperata per attirare l'attenzione. Lo scenario è quello di PAOK-Aek Atene, match di cartello del massimo campionato greco nel quale è accaduto praticamente di tutto, proprio nelle battute conclusive della sfida. Un'atmosfera stupenda... ma la carta ha toccato l'allenatore avversario e apriti cielo: ha fatto la scena come se lo avessero ammazzato, ci hanno dato la sconfitta a tavolino e inizialmente anche tre punti di penalizzazione.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.