Pochettino non si da pace: abbiamo dominato, ma passa la Juve

Napoli per una sera tifa Juve, meglio che vada avanti in Champions

Napoli per una sera tifa Juve, meglio che vada avanti in Champions

Coperta corta per Massimiliano Allegri, ma il Pipita stringendo i denti dovrebbe esserci: a fargli compagnia nel tridente saranno Dybala e probabilmente Douglas Costa, il sacrificato sarà quindi Mandzukic che oltretutto non attraversa una strepitosa condizione fisica.

Khedira fa la sponda e Gonzalo Higuain si fa trovare esattamente dove deve farsi trovare.

Mauricio Pochettino mastica amaro dopo la sconfitta contro la Juventus a Wembley nel ritorno degli ottavi di Champions e l'eliminazione del suo Tottenham.

Forse in pochi ci credevano, ma l'impresa alla fine è arrivata e per la Juventus può arrivare il momento di tirare il fiato dopo un ottavo di finale davvero palpitante. Episodi che potevano costare molto cari se non fosse stato per una provvidenza vestita di bianco, volgarmente chiamata "palo".

Veniamo al racconto della gara. I bianconeri sono improvvisamente risorti e sono subito ripartiti con rabbia. Critico il Daily Telegraph sulla qualità del gioco espressa dalla Juventus che non avrebbe pienamente meritato la qualificazione ("L'Italian Job deruba gli Spurs"), mentre secondo il Daily Mail la qualificazione è svanita, "Soffiata via", anche grazie alla "lezione difensiva impartita da Giorgio Chiellini". La gara continuano a farla i padroni di casa ma senza grosse occasioni. Al 38° altro brivido, Son entra in area, lascia partire il diagonale, fuori di pochissimo. Troppo ferma e poco propositiva la compagine bianconera, incapace di inventare qualcosa che spaventi gli Spurs. La reazione della Juventus è immediata ma la conclusione di Pjanic esce di poco. Episodio chiave nel primo tempo nel quale comunque è stato molto più brillante il Tottenham, come nei secondi 45' a metà febbraio all'Allianz Stadium.

Si rientra con gli stessi 22 in campo ma il copione non cambia, è sempre il Tottenham a gestire il ritmo. A Wembley è stata una vittoria di una squadra che ha un'anima, un successo di carattere e di cuore. Due minuti dopo, però, la Juve va su tutte le furie per l'intervento in area di Vertonghen su Douglas Costa che l'arbitro considera regolare. Niente in confronto agli ultimi minuti, quando prima il palo e poi Barzagli, che respinge quasi sulla linea un colpo di testa di Kane, salvano la Juventus.

La Juve sbanca a Wemblkey e si qualifica ai quarti di finale Championd league.

Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dier (28′ st Lamela ), Dembelé; Eriksen, Alli (41′ st Llorente ), Son; Kane.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.