Malagò propone Micciché come presidente di Lega

Serie A, Malagò candida Gaetano Miccichè come presidente della Lega

Serie A, Malagò candida Gaetano Miccichè come presidente della Lega

"È andata molto bene, erano presenti tutte le società nessuna esclusa". Incontro costruttivo e molto propositivo, dai toni cordiali. Con lui il vicecommissario Paolo Nicoletti. Sarà un caso che senza la personalità debordante del patron biancoceleste, mesi di contrapposizione sono improvvisamente svaniti?

Gaetano Miccichè è uno dei più importanti uomini industriali d'Italia. Si tratta di una mia idea, del tutto personale: Micciché è un uomo di sport e di relazioni. "Ho segnalato Gaetano Micciché, uomo di sport, appassionato, competente, capace di fornire un valore aggiunto". Non so se disponibile - ha continuato Malagò dopo la prima riunione con i venti club della Serie A -, ma c'è stato un consenso pressoché unanime. Sami Kahale è invece l'unico nome proposto per quanto riguarda il ruolo di ad: la figura dell'ex manager di Procter&Gamble verrà sottoposta ai club di Serie A. Dopo la candidatura di Javier Tebas, blindato dalla Liga spagnola, è venuta meno anche quella di Luigi De Siervo, ad di Infront, "per motivi di buon senso". Alla domanda se già in quella data si potrebbe arrivare all'elezione della nuova governance della Lega, Malagò ha risposto: "L'obiettivo è quello". C'è una abbondante condivisione sui ragionamenti. "Gli dirò che bisogna dare una mano al mondo del calcio". "Il futuro della Lega si deve giocare senza che il finale di partita abbia vincitori e vinti, senza fazioni". "A breve ci sarà un incontro istituzionale. Non c'è alcun segnale di apprensione, è un passaggio obbligato", ha concluso il numero 1 dello sport italiano.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.