Voto di scambio: il 4 marzo debutta (oltre al Rosatellum) la scheda-antifrode

"Art Guerrilla" a Rimini: i volti dei migranti sugli spazi elettorali

Domenica 4 marzo gli elettori che si recheranno ai seggi si vedranno consegnati una scheda provvista "di un apposito tagliando rimovibile, dotato di codice progressivo alfanumerico generato in serie, denominato 'tagliando antifrode', che è rimosso e conservato dagli uffici elettorali prima dell'inserimento della scheda nell'urna". La novità è che oltre al nuovo sistema elettorale c'è un'altra new entry: la scheda elettorale con "tagliando antifrode", un metodo messo a punto contro il fenomeno del voto di scambio usando schede già votate. Vai a votare, chiudi la scheda e torni dal presidente a cui la consegni. Prima il presidente staccherà il tagliando dalla scheda e confronterà il codice con quello appuntato, solo allora potrà inserirla nell'urna, anonima chiaramente. Solo dopo tale controllo il presidente del seggio inserisce la scheda nell'urna che - dopo aver staccato il tagliando - tornerà ad essere anononima.

Questo stratagemma è stato introdotto per evitare che il cittadino porti con sè e consegni schede contraffate, compilate fuori dal seggio.

L'elettore consegna al presidente la scheda chiusa e la matita.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.