Embrione pecora uomo: se le cellule staminali si trasformano in neuroni

Cellule staminali ed embrioni animali

Cellule staminali ed embrioni animali

"Se scoprissimo che le cellule umana vanno nel cervello dell'animale, non potremmo portare avanti il tentativo". I ricercatori dell'università California Davis sono riusciti nell'impresa di creare un embrione ibrido uomo-pecora, in cui una cellula su 10.000 è umana. L'ibrido è stato ottenuto introducendo cellule staminali adulte riprogrammate nell'embrione di pecora, che poi è stato lasciato crescere per 28 giorni, il massimo per cui l'esperimento aveva ottenuto l'autorizzazione. Questo esperimento solleva dubbi etici.

Ci si è orientati perciò, sfruttando le potenzialità delle cellule staminali, verso la produzione di embrioni di animali all'interno dei quali trasferire cellule staminali umane, indotte in laboratorio a diventare pluripotenti, simili a quelle embrionali - ma che embrioni umani si ritiene non diventeranno mai - al fine di guidare all'interno dell'embrione animale la formazione di organi "umanizzati" da utilizzare per i trapianti. Man mano che aumenta il numero di cellule umane, il dato organo o tessuto diminuisce il rischio di rigetto.

L'ibrido uomo-pecora permetterebbe di far crescere organi umani negli animali. Uno dei possibili problemi, ammette lo stesso Ross, è l'eventualità che l'animale sviluppi una 'mente umana'. Quindi se questo progetto porterà buoni risultati si risolverebbero due problemi: la compatibilità e il rigetto degli organi.

Si parla, spiega al Guardian il biologo riproduttivo e membro del team di ricerca Pablo Ross, di nuove frontiere per i trapianti d'organo: "Ancora oggi persino gli organi [trapiantati] più compatibili, eccezion fatta per quelli provenienti da gemelli identici, non resistono molto a lungo [all'interno del corpo del ricevente, ndr] perché nel tempo il sistema immunitario continua ad aggredirli". Sono già ostacolati sotto il profilo dei finanziamenti dalle autorità federali, ma intendono comunque proseguire con questi esperimenti poiché sono davvero convinti di poter salvare la vita alle migliaia di persone che muoiono in attesa di un trapianto.

In un futuro non troppo lontano dunque gli organi prodotti dalle chimere interspecie potrebbero essere un modo per produrre una quantità sufficiente per soddisfare la domanda - trapiantando, per esempio, un pancreas ibridizzato, da una pecora o da un maiale, a un paziente in situazione critica.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.