Tlc. Tar congela rimborsi per bollette di 28 giorni

Tar legittime le decisioni dell'Authority contro le bollette telefoniche a 28 giorni

Tar legittime le decisioni dell'Authority contro le bollette telefoniche a 28 giorni

Sospesi anche i rimborsi automatici spettanti a partire da giugno 2017. Ma non è detta l'ultima parola: per Altroconsumo gli utenti dovranno vedersi restituito quanto pagato indebitamente.

La Terza Sezione del Tar Lazio ha respinto i ricorsi promossi dal WindTre, TIM, Vodafone e Fastweb contro la delibera n. 121/2017 con cui l'Autorità Garante delle Comunicazione che aveva imposto agli operatori delle telecomunicazioni la fatturazione e il rinnovo degli abbonamenti per i servizi di telefonia su rete fissa e servizi convergenti con cadenza mensile anziché a 28 giorni, ponendo un termine per adeguarsi scaduto a giugno del 2017 che le quattro compagnie telefoniche ricorrenti non avevano rispettato, impugnando appunto la delibera.

Il Tar del Lazio con un'ordinanza, cioè con un distinto provvedimento ha però dato un dispiacere provvisorio ai consumatori sospendendo il meccanismo di rimborso ai clienti (indicato sempre dalla delibera del Garante di dicembre del 2017) che prevedeva che i clienti dovevano essere indennizzati nella prima bolletta corretta, nella prima fattura che resusciterà la cadenza mensile. I rimborsi, infatti, peserebbero sulle casse degli operatori in maniera ben più pesante delle sanzioni imposte da AGCOM. Ci stiamo battendo per ottenere la restituzione dei soldi ai consumatori, chiamando a raccolta tutti gli utenti. La trasparenza delle condizioni contrattuali non può essere accessoria, deve essere un prerequisito, con un doppio effetto benefico: "sul sistema, per far funzionare la concorrenza, e sui singoli consumatori, permettendo di valutare scelte più adatte al proprio profilo di utenza".

Con le bollette a 28 giorni le mensilità sono 13 anziché 12 l'anno.

Attualmente sono molte le tariffe sul mercato vendute ancora su base 28 giorni: Altroconsumo sconsiglia di sottoscriverle, dal momento che nel giro di meno di due mesi saranno rimodulate.

Il TAR ha poi confermato le sanzioni irrogate dall'AGCOM (Fatturazione a 28 giorni: sanzioni irrisorie per TIM, Wind Tre, Vodafone e Fastweb) a fronte del mancato rispetto della decisione da parte degli operatori. In precedenza, era circolata tra l'altro l'ipotesi di un rimborso forfettario di 50 euro. Per questo è importante partecipare gratuitamente a Rivogliamo la tredicesima per ottenere indietro quanto pagato in più.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.