Banche: Gasparri, De Benedetti sapeva

De Benedetti e la 'soffiata' sulle banche: «Il decreto passa, ho parlato con Renzi»

De Benedetti e la 'soffiata' sulle banche: «Il decreto passa, ho parlato con Renzi»

In termini giudiziari, in attesa che il gip (da due anni) decida se accogliere o meno la richiesta dei pm, deve anche esprimersi la Commissione Banche di Casini iniziata prima delle Elezioni e che continuerà dopo il 4 marzo appena vi sarà un governo a Palazzo Chigi.

De Benedetti: Sono stato in Banca d'Italia l'altro giorno, hanno detto (incomprensibile) che è ancora tutto aperto.

L'archiviazione però non convince affatto Augello: "Il fatto che la Consob non sia stata in grado di sanzionare i responsabili dell'operazione, che la magistratura si proponga di archiviare l'inchiesta, ipotizzando come un navigato operatore e consulente finanziario quando usa il vocabolo 'decreto' non lo faccia in senso 'tecnico', dimostra che nel nostro Paese siamo lontanissimi dal disporre di strumenti efficaci e credibili per evitare che episodi di questo genere si ripetano in futuro". Il governo farà un provvedimento sulle Popolari per tagliare la storia del voto capitario nei prossimi mesi. una o due settimane. Renzi avvisò De Benedetti sul decreto sulle popolari e lui ordinò un acquisto. "Passa, ho parlato con Renzi ieri, passa". Ma, lasciando parlare i fatti, resta un dato: la plusvalenza incassata dalla società di De Benedetti.

Intervistato dal vice direttore di Repubblica Massimo Giannini nel corso della puntata del 10 gennaio di "Circo Massimo" su Radio Capital, Matteo Renzi ha cercato di difendersi sostenendo che della telefonata di De Benedetti, della Procura di Roma sulle banche "dovete chiedere a De Benedetti". "C'era persino un'agenzia fuori sul fatto che quella riforma si sarebbe fatta", minimizza il segretario del Pd che reputa assurdo poter sindacare su un qualcosa che non ha il benché minimo segno di reato (e qui sotto spieghiamo il perché, ndr). Tuttavia, i tempi non coincidono.

Per Luigi Di Maio, "è uno scandalo sapere che il premier, allora Matteo Renzi, mentre stava per fare un decreto legge in 25 minuti che azzerava i risparmi dei risparmiatori, chiamava De Benedetti per dirgli che stava per fare il dl e quello attacca, chiama i suoi e dice: stanno per fare il decreto legge, comprate le azioni". C'è differenza tra l'annuncio di un decreto e la sua approvazione materiale in Consiglio dei ministri.

Per il portavoce dell'ingegner De Benedetti "non vi è stato alcun abuso di informazione privilegiata da parte sua". L'Ingegnere parlava con Bolengo dell'opportunità di comprare titoli. Tra le altre cose, acquisisce la registrazione della telefonata. "Voglio vedere come si svolgeranno le cose". In ogni caso, dunque, la plusvalenza ci fu e anche cospicua. "Vediamo come andrà a dipanarsi la vicenda ma certamente quel conflitto di interessi che è stato addebitato a me fa assolutamente sorridere, vedo che De Benedetti oggi è stato preso con le mani nella marmellata".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.