E' morto Gualtiero Marchesi

Marchesi: funerali venerdì in Santa Maria del Suffragio a Milano

Marchesi: funerali venerdì in Santa Maria del Suffragio a Milano

Lutto nel mondo della gastronomia: è morto a 87 anni. Le sue presenze a Parolario e alla Festa del legno.

Era il titolare del famoso ristorante "Il Marchesino", per la sua brillante carriera aveva ricevuto moltissime onorificenze, premi e riconoscimenti.

E' morto Gualtiero Marchesi, decano degli chef d'Italia. Il suo obiettivo, sempre dichiarato, era stato quello di diffondere la buona cucina: tutti dovevano saper cucinare, persino i bambini. Nel 2014 aveva inoltre elaborato il menù in occasione del charity dinner organizzato da Francsca Ruffini per aiutare la Fondazione Veronesi. Mi riesce difficile scrivere su questo monumento della cucina italiana, dell'arte, del bello, e ho un groppo in gola per aver perso un Maestro di vita, oltre che un artefice della creatività. Ha saputo "portare la cucina italiana su cime inesplorate senza mai perdere le radici" della sua Milano, scrive il governatore Maroni. Marchiesi si è spento nella sua Milano, dove era venuto al mondo nel 1930 da una famiglia di ristoratori della provincia di Pavia. Nel 1977 aprì a Milano il suo primo ristorante in Italia e dopo solo un anno ottenne già la stella Michelin che lo portò poi nel 1986 a raggiungerle tutte e tre. Si afferma il progetto di una cucina totale, modellata sul contenuto e il contenitore, il cibo, la tavola e il servizio. Ma nel 2008, in polemica con gli autori della guida Michelin, è il primo chef al mondo a rinunciare alle stelle della guida francese. Nel 1991 il presidente della Repubblica Francesco Cossiga lo nomina 'Commendatore'. Un'esperienza che, nel suo ultimo libro presentato anche alla Feltrinelli di Varese, dal titolo "Opere/Works", assurge al livello di vera esperienza estetica.

Tra i tanti suoi allievi si annoverano Carlo Cracco, Ernst Knam, Karsten Heidsick, Andrea Berton, Pietro Leemann, Paolo Lopriore, Vittorio Beltramelli e Davide Oldani.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.