Etruria, Ghizzoni ammette il colloquio con Maria Elena Boschi

Ghizzoni in commissione

Ghizzoni in commissione

"Mi chiesero se c'era l'interesse di intervenire nel capitale di Etruria, risposi che era molto difficile, i tempi erano molto ristretti e dissi anche che c'era un fattore esterno dirimente su qualsiasi acquisizione che era il passaggio alla vigilanza europea".

"Le audizioni in commissione banche confermano un conflitto di interessi chiaro ed evidente".

"Confermo relazione iniziale di Ghizzoni". Anche qui Ghizzoni specifica: "Sollecitazione dirette da Bankitalia non le ho avute", "c'è stata alcun tipo di influenza rispetto alla richiesta di Banca Etruria". E alla domanda su cosa intendesse per pressioni, spiega: "La pressione sarebbe stata se mi avesse chiesto seccamente: acquisite etruria".

E così si va avanti da giorni. Anche in questo incontro non ci fu occasione per discorsi di tipo bilaterale. Ma alla fine decise comunque di non chiedere chiarimenti in merito.

Ultima puntata in ordine di tempo quella che è andata in onda stamattina.

Audizione dell'ex amministratore delegato di Unicredit Federico Ghizzoni in commissione banche per parlare dei colloqui con Maria Elena Boschi sulla crisi di Etruria.

Dopo alcuni incontri occasionali nei mesi precedenti con l'allora ministra Boschi l'allora ad di Unicredit ebbe il 12 dicembre un incontro "da solo" a Palazzo Chigi nel quale "per la prima volta affrontammo il tema specifico delle banche in crisi".

Il 12 dicembre 2014 l'allora ministro Boschi incontrò l'allora Ad Unicredit Ghizzoni e gli chiese 'se era pensabile per Unicredit valutare un'acquisizione o un intervento su Etruria'. "Renzi, Boschi, Carrai, un indecente clan che ha occupato la Repubblica italiana soltanto per affari personali".

Ghizzoni ha poi ricordato che il 29 gennaio 2015 UniCredit comunica a banca Etruria "la risposta negativa" all'ipotesi di acquisizione e "per più di una ragione".

Immediata è arrivata la replica da parte di Maria Elena Boschi, che all'epoca dei fatti era il Ministro per le Riforme. "Non l'ho mai considerato un interlocutore politico" ha aggiunto. Una mail lascia spazio alla banca per decidere. Chi era Carrai in quel momento, gli è stato chiesto: "Per me Carrai era un amico, una persona che conoscevo, non ho pensato al suo ruolo (in quel momento ndr), lui stesso nella mail dice 'mi è stato chiesto di.'". Maria Elena Boschi contesta però questa interpretazione delle parole di Ghizzoni, tanto che ha annunciato di voler utilizzare la sua testimonianza nella causa civile che farà contro Ferruccio de Bortoli. Nel suo ultimo libro, l'ex direttore del Corriere della sera aveva raccontato l'incontro tra Ghizzoni e Boschi, e per questo è stato querelato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

In ogni caso Boschi, su Twitter, commenta soddisfatta.

Il dossier Etruria, in realtà, era già stato aperto con gli advisor. "Direi che possiamo passare oltre e lasciare le strumentalizzazioni a chi non ha idee e progetti da presentare al paese". "Adesso mi rimetto al lavoro, buona giornata a tutti".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.