Giro 2018, la minaccia di Israele: "Togliete West Jerusalem"

Giro d’Italia 2018. Per la carovana rosa breve passaggio in Molise                   Postato il 30 novembre 2017 da Slug in In Evidenza Sport

Giro d’Italia 2018. Per la carovana rosa breve passaggio in Molise Postato il 30 novembre 2017 da Slug in In Evidenza Sport

L'edizione numero 101, presentata nella giornata di ieri a Milano, avrà inizio il 4 maggio, con la partenza fissata per la prima volta al di fuori dell'Europa, a Gerusalemme, sede della prima tappa. Adesso, la partenza della corsa all'estero è a forte rischio. Da parte di due ministri israeliani però è nata una violenta polemica: "Gerusalemme è la capitale di Israele, non ci sono Est e Ovest", hanno tuonano i ministri dello Sport e della Cultura, Miri Regev, e del Turismo, Yariv Levin, del partito del premier Netanyahu.

Ecco il nuovo Giro d'Italia 2018: non c'è la Sardegna ma c'è Israele

Quelle pubblicazioni sono una infrazione delle intese con il governo israeliano. "Se il nome "West Jerusalem" non verrà cambiato, Israele non ospiterà il Giro d'Italia". Secondo il governo filo-governativo Israel ha-Yom della questione è interessato anche il ministero per le questioni strategiche. I ministri israeliani dello Sport, Miri Regev, e del Turismo, Yariv Levin, hanno minacciato infatti di ritirare il sostegno alla corsa dal momento che nella presentazione si legge che il Giro partirà da "Gerusalemme ovest".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.