Aumento Carige, pubblicato il prospetto Ecco i rischi dell'investimento

L’Ad Paolo Fiorentino con il presidente Giuseppe Tesauro

L’Ad Paolo Fiorentino con il presidente Giuseppe Tesauro

Malacalza Investimenti, si legge sempre nel prospetto, oltre a impegnarsi a sottoscrivere la sua quota del 17,587%, ha siglato un accordo per garantire eventuale inoptato dell'aumento da 560 milioni di Carige fino al massimo 69,48 milioni di euro.

"Escludo assolutamente un aumento di capitale addizionale". Faccio una previsione: sono ottimista sul fatto che questo aumento possa andare addirittura a riparto.

La società ha comunicato in una nota che Consob ha approvato il documento di registrazione, la nota informativa e la nota di sintesi dell'aumento di capitale, confermando che l'operazione, al prezzo di 1 centesimo per azione prenderà il via oggi, mercoledì 22 novembre. Oggi è una giornata molto importante, quello in atto è un aumento molto particolare che parte con una fortissimo coinvolgimento dei vecchi e nuovi investitori. Il mercato intorno a Carige è viva come viva a pulsante è la banca. Fiorentino ha aggiunto che per quanto riguarda la vendita del Pos "siamo in esclusiva con l'Istituto delle banche popolari e chiuderemo l'operazione comunque entro il 31 dicembre del 2017". Trattandosi di aumento di capitale iperdiluitivo, come disciplinato dalla Consob e dalla Borsa Italiana, è prevista per ciascun investitore la facoltà di: (1) ricevere le nuove azioni al termine della giornata contabile di borsa aperta in cui i relativi diritti di opzione sono stati validamente esercitati, a partire dal terzo giorno di mercato aperto successivo all'avvio del periodo di opzione ai sensi dell'articolo 2.6.6 del regolamento di Borsa Italiana, purché siano rispettate le modalità operative previste da Monte Titoli (la "Facoltà di Consegna Rolling"); oppure (2) ricevere le nuove azioni al termine della giornata contabile dell'ultimo giorno del periodo di opzione (la "Consegna all'Ultimo Giorno").

Nel prospetto viene sottolineato che "qualora anche una sola delle azioni di rafforzamento patrimoniale (aumento di capitale, Lme e cessione di asset)" del piano di Carige "non si realizzasse o si realizzasse in parte, il gruppo potrebbe non essere in grado di ripristinare e mantenere i requisiti patrimoniali ad esso applicabili e, al verificarsi di tale circostanza, non si può escludere che l'Autorità di vigilanza richieda ulteriori misure idonee a rafforzare la situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell'emittente e del gruppo". Dopo lo stallo di giovedì scorso, a seguito della mancata formazione del consorzio di garanzia, le divergenze tra soci e le banche incaricate si sono ricomposte e nella notte l'accordo è stato raggiunto, grazie alla mediazione ostinata dell'amministratore delegato Paolo Fiorentino per evitare di far saltare tutto, compresa la Banca.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.