Roberto Spada: "Sono stato provocato". Gip si riserva sul fermo

Giornalista aggredito a Ostia indagine sui complici di Spada

Giornalista aggredito a Ostia indagine sui complici di Spada

I carabinieri intanto stanno completando l'identificazione del complice di Spada che, mentre Roberto picchiava Piervincenzi, si sarebbe scagliato contro Anselmi.

Prova a difendersi Roberto Spada, che quattro giorni fa a Ostia ha aggredito e rotto il naso al giornalista della trasmissione tv Nemo Daniele Piervincenzi. Il gip, dopo l'interrogatorio di garanzia, si è riservato di decidere nelle prossime ore se confermare o meno il fermo. "Contro ogni forma di violenza, fuori la mafia dallo stato". Un corteo con in testa lo striscione "Casa lavoro dignità, no alla violenza fascista e mafiosa" ha sfilato per le vie della cittadina. Diverse centinaia di persone hanno filato da piazza della Stazione Nuova, tra loro anche la sindaca di Roma Virginia Raggi, il sindaco di Fiumicino Esterino Montino e diversi parlamentari di M5S, Mdp e Sinistra Italiana.

I pm della Dda di Roma Giovanni Musarò e Ilaria Calò hanno chiesto al gip Anna Maria Fattori la convalida del fermo e la contestuale emissione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Qualche contestazione per la Raggi, visto che la manifestazione è stata appoggiata dal Campidoglio ma organizzata dal comitato del X municipio, Laboratorio Civico X. "Sarò contenta di partecipare alla manifestazione di giovedì perché affermare un principio che siamo tutti dalla parte della legalità sia dovere di tutte le istituzioni e di tutte le forze politiche". "Quando è entrato in palestra mi sono innervosito", ha aggiunto.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.