O'Leary di Ryanair: "Alitalia verso lo spezzatino. Noi interessati alla flotta"

20170831_133627_4C675DE0

20170831_133627_4C675DE0

Ryanair sarebbe interessato a fare offerte per l'intera Alitalia, ma sarebbe bloccata dalle autorità di regolamentazione in quanto porterebbe la compagnia irlandese a controllare oltre il 50% del mercato italiano. Michael O'Leary, amministratore delegato della low cost, nel corso di una conferenza stampa tenuta a Londra, ha detto chiaramente che "per Alitalia è probabile uno spezzatino". Lo scacchiere della partita, quindi, inizia a cambiare: se da un lato Ryanair preferisce puntare la sua attenzione sull'Italia, dall'altro la società irlandese lascia campo libero alla compagnia tedesca Condor, controllata dal gruppo Thomas Cook, nella partita per il controllo di Air Berlin, anch'essa in fase di commissariamento. Ma il governo non ho dato via libera a questa opzione.

E O'Leary assicura di voler tenere "la maggior parte del personale Alitalia, in particolare piloti ed ingegneri". L'offerta sarebbe comunque legata ad alcuni licenziamenti, modifiche alle condizioni del personale e rinegoziazione dei contratti di locazione. O'Leary ha spiegato di avere intenzione di mantenere il brand Alitalia, rilevando gran parte del personale, prevalentemente "ingegneri e piloti". Franceschini: "Spezzatino errore gravissimo" Il governo italiano, si è detto, non è favorevole all'opzione spezzatino. Intanto, secondo fonti vicine all'aviolinea, il bando per la vendita dell'Alitalia esclude l'ipotesi del cosiddetto 'spezzatino' e prevede invece due possibili soluzioni: la vendita unitaria della Compagnia o, in alternativa la cessione in due lotti 'aviation' e 'handling' a due soggetti distinti.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.