Usa, protesta dei suprematisti bianchi: è stato d'emergenza

Virginia. Stato di emergenza dichiarato a Charlottesville dopo violente proteste

Virginia. Stato di emergenza dichiarato a Charlottesville dopo violente proteste

Una persona è morta negli scontri a Charlottesville in Virginia al corteo dei suprematisti bianchi. Il governatore, Terry McAuliffe, ha proclamato lo stato d'emergenza nella città, ma la tensione tra suprematisti e contro-manifestanti cresce. In piazza anche Ku Klux Klan e i neonazisti. La Cnn parla di diversi feriti negli scontri. Per ora non è ancora chiaro il bilancio.

Il Washington Post ha riferito che testimoni parlano di un atto "assolutamente intenzionale" e anche la first lady Usa Melania Trump ha condannato le violenze di oggi. I suprematisti protestano contro i piani di rimuovere una statua del generale Robert E Lee, pro schiavitù, che nella guerra civile Usa del 1861-1865 guidò le forze confederate. Nei video presenti sui social network si vede che l'auto, dopo aver investito manifestanti e tamponato altre auto, parte rapidamente a marcia indietro, in mezzo alle persone.

Virginia, auto sulla folla dei manifestanti anti suprematisti Nelle immagini gli attimi di concitazione seguiti allo schianto di un'auto grigia contro alcuni manifestanti anti suprematisti a Charlotteville, in Virginia.Ancora incerto il numero dei feriti e l'esatta dinamica di quanto accaduto.

"Tutti dobbiamo essere uniti e condannare tutto ciò che l'odio rappresenta".

La giornata era già stata costellata di scontri tra i rappresentati delle destre e studenti e dimostranti anti-razzisti che si sono opposti a quella che il sindaco della città ha definito una "vigliacca sfilata dell'intolleranza, dell'odio e del razzismo".

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.