Voucher, nella 'manovrina' all'esame del Parlamento potrebbero ritornare

Il Pd lancia in resta per reintrodurre i voucher. Uno sfregio alla democrazia e alla Cgil che “non smobilita”. Presidi in tutta Italia

Il Pd lancia in resta per reintrodurre i voucher. Uno sfregio alla democrazia e alla Cgil che “non smobilita”. Presidi in tutta Italia

Il secondo punto riguarda invece proprio la politica: perché il caos sui voucher palesa ancor di più quanto l'Italia abbia bisogno di una legge elettorale seria, di un sistema che davvero garantisca stabilità e margine d'azione ai futuri governi, di qualsiasi colore essi siano. Nella "manovrina", infatti, sarà presentato un emendamento che li ripristina anche per le piccole imprese. "Non cerchiamo nessun incidente parlamentare". Hai visto mai che nessuno ci avesse creduto, poco dopo è stato il capogruppo Francesco Laforgia a rincarare la dose: "La misura è colma". "L'annuncio di Rosato di un emendamento che introduce i voucher per le microimprese significa che il Pd ha deciso di far cadere il Governo", replica duramente il deputato di Mdp, partito formalmente sostenitore del governo Gentiloni, Arturo Scotto.

Nuovamente al centro dell'agenda di Governo la questione legata ai voucher aboliti per evitare il referendum della Cgil e che ha visto schierarsi su posizioni nettamente contrapposte il mondo dell'imprenditoria a quello delle rappresentanze sindacali in primis appunto la Cgil. La proposta è passata con 19 sì e 6 no. "Il Pd ha scelto di consumare l'ennesimo strappo". E così i bersaniani di Mdp annunciano lo strappo. In attesa di capire che fine faranno i "buoni lavoro" o "simil-voucher" è ormai chiaro che la maggioranza è sempre più nel caos.

Sulle barricate anche la Cgil, che si appellerà al presidente della Repubblica e avvierà una petizione popolare per il rispetto dell'articolo 75 della Costituzione (che norma i referendum), oltre ad indire una grande manifestazione. Una soluzione che per Palazzo Chigi "non rappresenta la reintroduzione dei voucher che il governo aveva abrogato". La Cgil oggi ha organizzato un presidio al Pantheon di Roma "contro il tentativo di resuscitare i voucher" e "per manifestare contro l'eventuale approvazione da parte del Parlamento di emendamenti che prefigurerebbero il ritorno dei voucher con norme peggiori".

Al nuovo movimento hanno aderito numerosi esponenti del Partito Democratico locale: l'attuale assessore all'Urbanistica Mirko Collevecchio, l'ex segretario di circolo Luciano Di Lodovico, l'ex assessore Gino Di Bonaventura, il membro della direzione provinciale Aurelio Alessandrelli, i docenti Maria Corradi e Giuliana Petrei ed esponenti storici del partito come Mario Aliprandi.

Sulla possibile reintroduzione dei voucher per le micro imprese. Questo avverrà attraverso la riformulazione di un emendamento, in arrivo probabilmente nella serata di domani, che incasserà il parere favorevole del relatore e del governo e che dovrebbe essere messo in votazione sabato mattina.

Recommended News

We are pleased to provide this opportunity to share information, experiences and observations about what's in the news.
Some of the comments may be reprinted elsewhere in the site or in the newspaper.
Thank you for taking the time to offer your thoughts.